Vendola e Martini a Comitato Regioni UE su ambiente e costituzione

venerdì 8 giugno 2007


Vendola e Martini a Comitato Regioni UE su ambiente e costituzione

(regioni.it) Alla seduta plenaria del Comitato delle Regioni di ieri e oggi a Bruxelles si è parlato anche di ambiente e costituzione europea.

Un impegno concreto per lo sviluppo sostenibile lo vogliono in particolare le regioni europee. Serve una politica sostenibile, lo ha sottolineato il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, relatore nell'assemblea plenaria di un parere sull'argomento, adottato all'unanimita'.

'Di fronte ai grandi temi ambientali, non si puo' sospendere la democrazia''. La sostenibilita' ambientale, ha spiegato Vendola, deve essere parte integrante del pacchetto sulle politiche per l'economia e l'occupazione. In questo ambito le scelte gia' attuate nelle singole realta' locali possono diventare buone pratiche di estendere a tutta l'Unione con un ruolo ''decisivo'' dei territori nella ricostituzione, ad esempio, dei beni comuni, a cominciare dall'acqua. A questo proposito Vendola ha citato la scelta fatta nella sua regione di bloccare la privatizzazione del piu' grande acquedotto.

Intanto nel documento del G8, gli Otto Grandi si impegnano a contrastare in modo sostanziale i cambiamenti climatici e le emissioni di gas a effetto serra. Sulle questioni del clima Bush intende coinvolgere Cina e India. Per il presidente francese Sarkozy non negoziabili gli obiettivi quantitativi di riduzione gas e la Merkel parla di grande successo.

Mentre emerge da un rapporto della Commissione Ue e dell'Agenzia europea per l'ambiente, che le sostanze piu' inquinanti emesse dalle industria europee - 50 quelle che contaminano acqua e aria - dal 2001 sono state ridotte di circa due terzi. Ma le emissioni di alcune di queste, in prima fila l'anidride carbonica, continuano ad aumentare, contribuendo al surriscaldamento del clima. In particolare, dal rapporto emerge come negli ultimi anni siano diminuite soprattutto le emissioni di nitrogeno (-14,5%), fosforo (-12%), diossina (-22,5%). Mentre le emissioni di anidride carbonica sono aumentate del 5,7% tra il 2001 e il 2004.

Infine il presidente della Regione Toscana, Claudio Martini, è per un trattato semplificato purche' non si perdano per strada i contenuti gia' acquisiti, e non solo quelli che riguardano le regioni. Questa l'opinione sulle nuove proposte per la Costituzione europea.''Non trovo scandaloso che si discuta su un Trattato semplificato, purche' non si perdano per strada i contenuti gia' acquisiti'', a partire dall'estensione del voto a maggioranza, ha spiegato Martini che auspica per le regioni ''uno spazio politico'' nella fase di attivita' della Conferenza intergovernativa, una volta superato lo scoglio del vertice del 21 e 22 giugno.

 (gs/07.06.07)

 

N. 945 - 07 Giugno 2007