+T -T


Intesa Liguria-Sicilia per scambio buone pratiche digitali

giovedì 24 gennaio 2019


ZCZC8528/SXA
XCI72390_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB

Accordo siglato da governatori Toti e Musumeci
   (ANSA) - ROMA, 24 GEN - Un potenziamento delle infrastrutture
digitali, tra cui i data center e la banda ultra larga,
l'erogazione dei servizi digitali attraverso piattaforme
innovative come il cloud, ma anche il perfezionamento dello
sviluppo e l'avvio della sperimentazione del fascicolo sanitario
elettronico, della cartella clinica digitalizzata, dei servizi
digitali per la disabilità. Sono alcuni degli ambiti di
potenziale cooperazione previsti dal protocollo di intesa,
firmato oggi a Roma nella sede della Regione Siciliana, tra
Regione Liguria e Regione Siciliana per la collaborazione e lo
scambio di buone pratiche nell'impiego delle tecnologie digitali
nella pubblica amministrazione.
   L' accordo presentato dai due governatori, Giovanni Toti  e
Nello Musumeci, consentirà  di avviare nuove collaborazioni
anche per i portali turistici e i servizi online di
catalogazione digitale del patrimonio culturale e museale, per i
servizi (online o di sportello) riguardanti il marketing
territoriale e la promozione delle tipicità.
L'intesa tra le due Regioni nasce dall'esperienza cominciata con
la convenzione, stipulata per la prima volta nel 2011, che ha
dato buoni risultati per quanto concerne la condivisione, tra le
due amministrazioni, delle migliori soluzioni per l'attuazione
dell'agenda digitale. Sono le aziende informatiche in house
delle Regioni, Liguria Digitale spa e Sicilia Digitale spa, a
fornire le professionalità e le risorse per una collaborazione
che già pone le due regioni all'avanguardia nel panorama
nazionale dell'e-government, sia dal punto di vista
organizzativo sia dal punto di vista infrastrutturale (reti,
data center, wifi) sia per quello delle applicazioni che ormai
da tempo vengono impiegate in tutti i settori dell'attività
amministrativa regionale, esprimendo soluzioni innovative con
grandi potenzialità di riuso.
   Ambiti rilevanti in cui valutare possibili collaborazioni
saranno anche quelli squisitamente amministrativi: sistemi e
piattaforme per i pagamenti elettronici, per la fatturazione
digitale, per le gestione amministrativa e contabile e dei
procedimenti amministrativi, per l'erogazione ed il monitoraggio
dei finanziamenti agli enti locali ed ai soggetti economici.
Potranno essere sviluppate soluzioni ad hoc per l'attuazione
dell'importante regolamento europeo 679/2016 sulla privacy (il
cosiddetto GDPR), che implica adempimenti impegnativi per le
amministrazioni e le imprese.(ANSA).

     TEO
24-GEN-19 17:41 NNN