P.a.:Regioni e imprese a Napoli per sprint digitalizzazione

mercoledì 13 novembre 2019


ZCZC6627/SXR
ONA90785_SXR_QBXU
R ECO S45 QBXU


   (ANSA) NAPOLI, 13 NOV - Amministratori, ma anche cittadini,
studenti, imprenditori. Spono tanti gli attori coinvolti da FPA
per il Festival della Coesione per lo sviluppo del Mezzogiorno
partito oggi a Napoli al Campus dell'Università Federico II di
San Giovanni a Teduccio. Convegni e workshop vedono al centro
l'innovazione come leva per la crescita economica e lo sviluppo
sostenibile del Sud e accanto ai momenti di confronto
istituzionale con amministrazioni e imprese, verrà dedicato
spazio a beneficiari dei Fondi di Coesione, un'area sarà poi
dedicata a postazioni per i Programmi Operativi Nazionali e
Regionali, dove scoprire le opportunità di finanziamento per
idee di innovazione e nuove imprese.
   Tra i protagonisti della prima giornata alcuni governatori
del centrosud, tra cui il presidente della Calabria Mario
Oliverio che ha sottolineato come "oggi avvalersi delle nuove
tecnologie, delle innovazioni è di fondamentale importanza anzi
è una condizione per la crescita. Noi abbiamo investito con
progetti mirati finalizzati, ad esempio sull'alta formazione di
giovani laureati e diplomati per acquisire competenze digitali
che consentano con nuovi profili da formare che consentano la
utilizzazione di queste opportunità sia nella pubblica
amministrazione che nel sistema delle imprese". Il centrosud è
impegnato nella battaglia per superare il gap infastrutturale
con il nord, anche sulla banda larga: "Noi - sottolinea Oliverio
- siamo una delle Regioni più avanzate per investimenti sulla
banda larga, anzi la prima Regione ad avere investito e
realizzato i programmi. Abbiamo avuto una prima tranche con 240
Comuni e una seconda con 180 Comuni. La prima tranche è
completata, la seconda è in via di completamento. Si tratta ora
di rendere l'infrastruttura fruibile con un programma per
sostenere Pa, Comuni, imprese nel fruire di questa
infrastruttura".
   Il governatore dell'Abruzzo Marco Marsilio ha sottolineato i
ritardi: "E' molto importante - ha detto - la digitalizzazione
nella pubblica amministrazione. Dobbiamo investire perché ho
trovato la Regione ancora troppo indietro: abbiamo rimesso in
moto l'agenzia costituita per offrire servizi digitali come il
fascicolo sanitario elettronico. Dobbiamo continuare  a lavorare
su questo versante". Un lavoro che la Campania sta facendo
intensamente, come spiega l'assessore regionale a start-up e
innovazione Valeria Fascione: "I nostri talenti giovani - ha
spiegato - sono la materia prima su cui puntiamo. Oggi
annunciamo il prossimo bando per le start up da 15 milioni,
mentre è già attivo un bando per università, centri di ricerca e
innovatori per tirare fuori nuovi idee di impresa da
accompagnare. Le grandi multinazionali continuano a guardare
alla Campania e in particolare al Polo di San Giovanni come un
hub vivo di innovazione e quindi i risultati ci stanno dando
ragione".

     Y7W-DLP
13-NOV-19 15:57 NNN