Caccia: stop a "pre-aperture"

lunedì 7 agosto 2006


Caccia: stop a "pre-aperture"

(regioni.it) Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legge per assicurare l'adeguamento dell'ordinamento nazionale alla direttiva Ue 79/409 in materia di agricoltura e caccia. Il ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio spiega che con il decreto legge approvato non sara' piu' possibile "violare le norme comunitarie per favorire l'estremismo venatorio". Per la stagione della caccia "non si potranno piu' fare preaperture". Viene inoltre a cessare "l'efficacia delle deroghe regionali".

“L'urgenza del provvedimento - afferma il ministro per le Politiche agricole, Paolo De Castro - e' derivata dalla necessita' di consentire un'apertura corretta della caccia a settembre perche' il Tar prima ed il Consiglio di Stato dopo avevano annullato un provvedimento dell'ex ministro Matteoli che vietava la caccia in un'ampia porzione di territorio nazionale, praticamente tutte le zone umide del paese".

"Con questo decreto - conclude Pecoraro - non si possono piu' violare direttive Ue e la legge sulla caccia. C'e' la corretta applicazione della 157 che e' una legge a tutela della fauna selvatica. Siamo pieni di infrazioni comunitarie che avrebbero bloccato per le regioni l'utilizzo dei fondi per lo sviluppo rurale".

(red/04.08.06)

 

 N. 776 - 04 Agosto 2006