Legna da ardere riprende valore e tornano boscaioli abusivi

martedì 27 novembre 2018



ZCZC4992/SXR
XSP37929_SXR_QBXV
R CRO S41 QBXV

Lo rivela Operazione Bosco Sicuro dei Carabinieri Forestali
   (ANSA) - ROMA, 27 NOV - La legna è tornata preziosa come
combustibile, e così nei boschi italiani sono aumentati gli
abbattimenti illegali di alberi. E' quanto hanno scoperto i
Carabinieri Forestali nel corso di "Bosco sicuro", una vasta
operazione di controllo in tutta Italia, ad ottobre e novembre,
mirata proprio contro i boscaioli abusivi.
   "I tagli non autorizzati di alberi sono fortemente ripresi -
spiega il generale Nazario Palmieri -. Con la crisi e il
diffondersi delle stufe moderne, la legna ha riacquistato valore
come fonte di energia, ed ha un mercato. Così è ripresa anche
l'attività illegale di taglio".
   I carabinieri forestali in due mesi di controlli hanno
contestato 86 reati e redatto 582 verbali, infliggendo sanzioni
per 472.000 euro. E' stata evidenziato un aumento di reati in
Campania, Calabria, Abruzzo, Molise e Lazio. In quest'ultima
regione si è registrato il maggior numero di verbali
amministrativi, seguita da Toscana, Umbria e Campania. Il poco
lusinghiero podio delle multe vede al primo posto l'Emilia
Romagna, seguita da Lazio, Liguria e Toscana.
   La regione meno colpita dalla piaga dei boscaioli abusivi è
risultata il Veneto: qui si sono avuti il numero minore di
verbali amministrativi e il valore più basso delle multe.
(ANSA).

     SEC
27-NOV-18 15:16 NNN