Agricoltura: Emiliano, inaudito dl Emergenze non pubblicato

venerdì 29 marzo 2019


ZCZC7457/SXR
OBA78153_SXR_QBKP
R ECO S44 QBKP

(v:'Xylella:Di Gioia(Regioni);mancano le norme..' delle 12.16)
   (ANSA) - BARI, 28 MAR - L'assessore all'Agricoltura della
Regione Puglia, Leonardo di Gioia, ha partecipato oggi alla
conferenza dei presidenti delle Regioni nel corso della quale -
si evidenzia in una nota della Regione Puglia - è stato
stigmatizzato il fatto che un provvedimento legato all'emergenza
da diversi giorni annunciato non sia ancora visibile in una
forma giuridicamente compiuta e non sia di fatto applicabile.
Anche il governatore pugliese Michele Emiliano ritiene inaudito,
si precisa nella nota, che a distanza di oltre venti giorni
dall'approvazione del decreto sulle Emergenze agricole,
quest'ultimo non sia stato ancora pubblicato.
   Aver chiesto un decreto legge, viene sottolineato nella nota
della Regione, era il tentativo di avere una soluzione per temi
che sono in questo momento scottanti e difficili da affrontare.
Non poter utilizzare di fatto le norme contenute in questo
decreto legge, non poter dare risposte a questa esigenza
straordinaria, si pensi alla Puglia o alla Sardegna, è una cosa
molto grave.
   Tutti i presidenti delle Regioni, rende noto l'ente pugliese,
hanno dato mandato all'assessore di Gioia di rappresentare
questa posizione congiunta delle Regioni. In particolare, per
quanto riguarda la Puglia, l'assessore ha annunciato che non
parteciperà al conferimento delle intese e degli accordi in
materia agricola, finché questa cosa non sarà sanata.
   La Regione Puglia, intanto, annuncia che proseguirà a
scrivere proposte di modifiche immaginando quello che potrà
essere il testo originario. Un testo, spiega la Regione, che non
è stato mai trasmesso: c'è una indicazione di massima che,
qualora fosse pubblicato oggi in Gazzetta, o nel primo
provvedimento utile, lunedì alle ore 14 la Regione Puglia, in
quanto coordinatrice delle regioni agricole, verrebbe audita
come prima interlocuzione con la commissione.
   Per quanto riguarda le modifiche, l'assessore ha detto che le
regioni stanno interloquendo. C'è l'esigenza, per esempio in
Puglia, di rendere ancora più semplice il taglio degli alberi
affetti da Xylella. (ANSA).

     CML
28-MAR-19 17:07 NNN