MALTEMPO: GALLETTI, SERVE PATTO TRA STATO, REGIONI E CITTADINI PER RISPETTO TERRITORIO

martedì 18 novembre 2014


=

Non faccio scaricabarile ma ognuno deve fare sua parte

Roma 18 nov. (Adnkronos) - "Un patto tra Stato centrale,

regioni,

comuni e cittadini perché si aumenti il valore culturale del rispetto

del territori". Lo propone il ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti

a margine della conferenza di Agrinsieme a fronte dell'emergenza

maltempo e del dissesto idrogeologico.

"Non accuso nessuno, dico che c'è stato in generale, negli ultimi

anni, e i dati e le cifre lo dimostrano, da parte dello Stato

centrale, da parte delle

regioni, dei comuni scarsa attenzione alla

tutela del territorio, è un dato innegabile ha sostenuto Galletti.

"Io non voglio far polemiche-ha ribadito il ministro - dico solo che

oggi bisogna cambiare pagina. Io ci metto la faccia, non scarico su

nessuno. Non è mia intenzione fare da scaricabarile con nessuno. Da

oggi ci vuole più attenzione rispetto al passato alla tutela del

territorio e se questa è una priorità bisogna che le risorse che sono

a disposizione dei comuni vengano spese".

"Ognuno deve fare la sua parte, -ha concluso - il governo deve mettere

le risorse e dire con chiarezza che non ci saranno più condoni

edilizi, perché il condono edilizio è un tentato omicidio al

territorio e alle persone. Ai comuni chiedo di non dare concessioni in

zone a rischio e ai cittadini chiedo di non costruire in zone a

rischio è questo che intendo per patto, più rispetto per il

territorio".

(Arm)

18-NOV-14 11:11

NNNN