--CLIMA. GENTILONI: RIVENDICO NO A RINEGOZIAZIONE ACCORDI PARIGI

mercoledì 7 giugno 2017



ZCZC
DIR0150 3 AMB 0 RR1 / DIR


QUESTA SARÀ SFIDA PROSSIMI MESI

(DIRE) Roma, 7 giu. - Dopo il G7 di Taormina al quale e' emersa
la volonta' degli Usa di Trump di chiamarsi fuori dagli Accordi
sul clima di Parigi "io rivendico il fatto che da parte nostra,
da parte italiana insieme alla Francia e Germania, abbiamo preso
una posizione che non e' solo di conferma degli accordi di Parigi
ma e' anche importante perche' sottolinea l'impegno a non
rinegoziare gli accordi. Questa sara' la sfida dei prossimi
mesi". Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio, lo dice al
convegno Asvis 'Italia 2030: un Paese in via di sviluppo
sostenibile' in corso alla Camera.
Al summit di Taormina "si', sono state ribadite parole
importanti nei documenti ufficiali sull'Agenda 2030 e
sull'empowerment femminile e sull'action plan innovazione e
lavoro, ma sulla trincea piu' tosta dei temi ambientali, quella
del clima- avverte Gentiloni- si e' verificata una divisione fra
i 6 paesi da una parte e gli USA dall'altra".
Con Francia e Germania "non siamo solo a un si' o un no agli
accordi ma siamo a un si' o a un no alla partecipazione al Green
fund che sostiene i Paesi piu' poveri" nell'impegno salvaclima,
dice il capo del Governo, "Italia, Francia e Germania hanno detto
non solo che restiamo negli accordi ma che siamo contrari a una
rinegoziazione di quegli accordi e di quegli impegni".
L'Italia, conclude Gentiloni, "fara' la sua parte nel
delineare e assumere nelle prossime settimane a livello di
governo la nostra strategia di sviluppo sostenibile".
(Ran/ Dire)
11:50 07-06-17

NNNN


NNNN