+T -T


Patto con Enel sulle dighe, la proprietà passa alla Regione

martedì 20 marzo 2018


ZCZC3754/SXR
OCA70020_SXR_QBXQ
R ECO S45 QBXQ

Subentra Enas con accordo transattivo, operazione da 9,6mln
   (ANSA) - CAGLIARI, 20 MAR - La Regione diventa titolare delle
due centrali idroelettriche dell'Enel, Tirso 1 e Tirso 2, in
provincia di Oristano. E' questo il risultato di un lungo
contenzioso arrivato oggi alla conclusione con un accordo
transattivo siglato dal direttore generale dell'assessorato ai
Lavori Pubblici, Marco Dario Cherchi, dal responsabile per le
Energie rinnovabili in Italia di Enel, Carlo Pignoloni,
dall'amministratore unico di Enas, Giovanni Sistu, e dal
commissario del Consorzio di Bonifica dell'Oristanese, Andrea
Abis. La Regione affiderà la gestione delle centrali a Enas che
beneficerà dei ricavi della vendita di energia elettrica a
partire dall'1 gennaio 2018.
   La definizione dell'accordo economico comporta l'impegno per
Enel a corrispondere una somma forfettaria pari a 2,4 milioni di
euro al Consorzio dell'Oristanese e 7,2 milioni alla Regione.
"Un risultato importante alla fine di un lungo percorso", ha
commentato a Villa Devoto il governatore Francesco Pigliaru, che
per illustrare i dettagli dell'accordo ha invitato anche l'ex
assessore ai Lavori pubblici Paolo Maninchedda, "che ha pensato
e condotto questa vicenda fin dall'inizio della legislatura", ha
sottolineato il presidente. "La conclusione della trattativa
mette l'Enas nelle condizioni di svolgere un ruolo di prima
grandezza in funzione del fabbisogno energetico dell'Isola - ha
spiegato il segretario del PdS - la Regione dispone di risorse
strategiche di grande valore economico, acqua dighe e centrali
sono dei sardi ed è giusto che sia l'Isola a gestirle".
Maninchedda ha ricordato il Patto per la Sardegna che "con 50
mln di risorse regionali e 65 statali, consente una manutenzione
sulle dighe mai vista prima". L'attuale assessore ai Lavori
pubblici, Edoardo Balzarini, ha sottolineato l'importanza della
scelta "di arrivare a una transazione che consente di avere
risorse economiche subito, senza aspettare il secondo grado di
giudizio". Intanto, ha spiegato l'amministratore unico di Enas,
"la gestione provvisoria di Tirso 1 e 2 resterà in capo a Enel
per uno o due anni, ma della redditività pari a 3 mln l'anno
beneficerà Enas, che potrà anche vendere l'energia prodotta".
(ANSA).

     YJF-CT
20-MAR-18 14:09 NNN