Carburanti: Up, razionalizzazione impianti migliora sicurezza

venerdì 8 giugno 2018



ZCZC5887/SXA
XCI10156_SXA_QBXB
R ECO S0A QBXB

Giannocco,'positivo monitoraggio rete'; Anci, sanzioni da Mise
(ANSA) - ROMA, 8 GIU - Le nuove norme sulla razionalizzazione
del sistema di distribuzione dei carburanti migliorano la
sicurezza di tutti, compresi gli operatori che operano
all'interno degli impianti e gli automobilisti che vi fanno
rifornimento, per questa ragione tutti nei tempi previsti
dovranno adeguarvisi. E' una delle conclusioni di un seminario
tecnico tenuto oggi presso la sede nazionale dell'Anci a Roma.
L'obiettivo della legge 124 del 2017, ha sottolineato
Massimiliano Giannocco, dell'Unione petrolifera, "è anche quello
di eliminare gli impianti pericolosi, perché il rifornimento
deve essere fatto in totale sicurezza. Per questo i punti
vendita non adeguabili alle nuove normative dovranno essere
chiusi. Tra l'altro - ha aggiunto l'esponente di Up - il nostro
Paese vanta il maggior numero di impianti al mondo, circa
21mila, un numero considerevole rispetto a tantissimi altri
Paesi. Solo a titolo di esempio Francia e Spagna ne hanno circa
la metà rispetto ai nostri e il Regno Unito addirittura un
terzo". La Legge Concorrenza, ha sottolineato, "consente per la
prima volta di avviare un monitoraggio completo della rete,
tenendo conto dell'interoperabilità messa a disposizione dalla
piattaforma informatica che permette alle amministrazioni
interessate (Mise, Regioni, Comuni e Agenzia delle dogane) di
incrociare i dati".
Per Potito Iascone, consulente intervenuto a nome dell'Anci,
"le stazioni di servizio del futuro, e ne esistono già tante,
debbono prevedere corsie di decelerazione e anche parcheggi per
il riposo momentaneo dei conducenti". Nell'ambito delle sanzioni
previste dalla legge 124 Iascone ha ricordato che "dovrà essere
il Mise a provvedere, irrogando al titolare di un impianto
incompatibile il pagamento di una somma compresa tra i 5mila e i
15mila euro per ciascun mese di ritardo rispetto alla data
ultima prevista per la cessazione dell'attività di
vendita".(ANSA).

TEO-RED
08-GIU-18 15:49 NNN