+T -T


SMOG. CNA: COINVOLGETECI AL TAVOLO DEL BACINO PADANO

giovedì 11 ottobre 2018


ZCZC
DIR2354 3 AMB  0 RR1 R/EMR / BOL /TXT 


"SERVONO MISURE OMOGENEE TRA REGIONI, MA SOPRATTUTTO INCENTIVI".

(DIRE) Venezia, 11 ott. - Un tavolo tra le Regioni firmatarie
dell'accordo del bacino padano per riuscire finalmente ad attuare
misure congiunte per il miglioramento della qualita' dell'aria,
coinvolgendo pero' le associazioni di categoria. Lo chiede la
Fita Cna (Federazione trasportatori artigiani), i cui vertici di
Veneto, Piemonte, Lombardia ed Emilia-Romagna si sono riuniti
oggi a Milano per affrontare il caos nato dall'applicazione dei
divieti di circolazione antismog, diversi per tipologia, durata e
deroghe da Regione a Regione e tra i Comuni delle diverse
regioni. Ma se l'obiettivo e' di raggiungere "il massimo livello
di omogeneita' in tutto il territorio del bacino, e, in un'ottica
di programmazione e con visione prospettica, per  approntare e
rendere operativo uno strumento pluriennale adeguato, volto a
favorire la sostituzione degli autoveicoli piu' inquinanti, che
abbini un significativo contributo in conto capitale con
interventi finanziari adeguati", non mancano le polemiche.
   "Abbiamo calcolato che gli incentivi alla rottamazione tanto
sbandierati in questi giorni per dare un contentino alle imprese,
darebbero tre euro a impresa, se tutte quelle che hanno un
veicolo della fascia vietata decidessero di rottamarlo e
comprarne uno nuovo. Noi non abbiamo bisogno di propaganda, ma di
misure vere, che consentano il rinnovo del parco macchine ed una
boccata di ossigeno per l'ambiente e i cittadini", commenta
Sergio Barsacchi, segretario regionale di Cna Fita Veneto. (SEGUE)
  (Fat/ Dire)
19:19 11-10-18

NNNN