Ilva: Emiliano, battaglia per decarbonizzazione passa da Ue Al via dibattito Comitato Regioni su suo parere strategia clima

lunedì 28 gennaio 2019


ZCZC5385/SXA
OBX21078_SXA_QBXB
R ECO S0A QBXB

   (ANSA) - BRUXELLES, 28 GEN - "La battaglia che abbiamo fatto
per contrastare l'inquinamento dell'Ilva e che stiamo
continuando a fare, passa dall'Ue e dalla Corte europea dei
diritti dell'uomo che ha condannato l'Italia per non avere
tutelato la salute dei cittadini pugliesi e tarantini". Così il
presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, dopo che in
commissione ambiente del Comitato europeo delle Regioni è
cominciata la discussione del suo parere sulla Strategia dei
cambiamenti climatici dell'Ue. "Oggi abbiamo parlato di
controllo del clima per un pianeta pulito, produttivo, che metta
al centro le persone. Ô chiaro che questo significa cambiare le
politiche nel loro complesso, ma l'Ue può essere leader di
questo cambiamento", ha detto. 
   "La Puglia è il punto di riferimento delle regioni europee
con questo parere, e ringrazio il Pse che mi ha dato fiducia,
cosa non facile visto il clima politico che ho attorno in
Italia", ha continuato il governatore, secondo cui il suo parere
"può cambiare la storia del mondo, assieme alle decisioni che il
Parlamento europeo dovrà adottare".
   "Ci stiamo battendo da anni per cambiare la visione del
governo italiano, affinché promuova immediatamente la
decarbonizzazione delle industrie", ha continuato Emiliano, che
ha chiesto per l'Ilva di "iniziare subito con la
decarbonizzazione, l'eliminazione dell'immunità penale - perché
non può esistere un'industria che non opera nel pieno rispetto
della legge e dei diritti inviolabili delle persone - e il
risarcimento da parte dello stato di tutti i tarantini
sopravvissuti e che hanno perso la vita".(ANSA).

     YRW-ZSL
28-GEN-19 16:00 NNN