ABRUZZO. CORTE GIUSTIZIA UE BLOCCA INCENERITORE, FORUM H2O: GOVERNO RITIRI DECRETO

mercoledì 8 maggio 2019


ZCZC
DIR1191 3 AMB  0 RR1 N/AMB / DIR /TXT 


(DIRE) Pescara, 8 mag. - Niente inceneritore in Abruzzo. Bocciato
dalla Corte di Giustizia Europea il decreto attuativo dello
Sblocca Italia per mancanza di Valutazione ambientale strategica.
Esulta il Forum H2O che nel 2016 aveva scritto a ministeri e
regioni "fornendo poi i dati sull'immissione aggiuntiva di
inquinanti alle associazioni che avevano fatto ricorso". Un fermo
temporaneo per cui l'associazione ambientalista torna a chiedere
al governo di eliminare del tutto la norma "pro-incenerimento
voluta da Renzi e ancora in piedi. "Come Forum H2O, insieme a
NSC, gia' nel 2016 avevamo immediatamente segnalato al Ministero
dell'Ambiente e a tutte le regioni italiane che serviva la
Valutazione Ambientale Strategica", ricorda il coordinatore
Augusto De Santis.
   "Il Piano approvato con il Dpcm prevedeva di aumentare la
capacita' di incenerimento nazionale di diversi milioni di
tonnellate/anno di rifiuti, con la produzione, giusto per portare
alcuni dati sugli effetti ambientali negativi, di centinaia di
migliaia di tonnellate di ceneri residue da portare in discarica
nonche' emissioni per milioni di tonnellate/anno di CO2, gas
clima-alterante. Avevamo anche polemizzato con Arta che
incredibilmente aveva dato l'ok sulla procedura - prosegue - in
disaccordo con l'allora Giunta regionale. Infine abbiamo fornito
ai ricorrenti anche i calcoli sulle potenziali emissioni
aggiuntive di inquinanti a livello nazionale di questa rete di
nuovi inceneritori. Non possiamo che essere contenti di questo
risultato con il rammarico di dover constatare che per l'ennesima
volta erano rimaste inascoltate le voci che avevano puntualmente
segnalato il problema. Ora - conclude - assieme alle altre
associazioni che hanno aderito e partecipato a questa campagna,
chiederemo al Governo di abrogare immediatamente la madre di
questa trucco pro-inceneritori, l'art.35 del Decreto Sblocca
Italia voluto da Renzi. La priorita' e' ridurre la produzione di
rifiuti, riutilizzare e riciclare".
  (Afa/Dire)
14:27 08-05-19

NNNN