Europa-Regioni: comuni Ue, rischio annullare sforzi sul clima. Relazione Brighenti al Comitato Regioni sul futuro Patto sindaci

mercoledì 12 giugno 2019


ZCZC4619/SX4
OBX12446_SX4_QBXI
R REG S04 QBXI

   (ANSA) - BUCAREST, 12 GIU - Se i comuni, in particolare i più
piccoli, non verranno accompagnati nella loro transizione
energetica, lo sforzo fatto finora attraverso il Patto dei
sindaci per il clima rischia di essere vanificato dall'eccessiva
burocrazia. Ô quindi necessario "agire adesso", rafforzando
anche il ruolo di coordinamento del Comitato europeo delle
Regioni (CdR). Questi i temi principali del parere su cui sta
lavorando Benedetta Brighenti, consigliere comunale di
Castelnuovo Rangone (Modena), che oggi a Bucarest ha presentato
per la prima volta l'avanzamento del suo lavoro davanti alla
commissione Ambiente del CdR. Finanziare l'assistenza tecnica ai
comuni firmatari, ridefinire il compito degli "ambasciatori" del
Patto e dotare il CdR di un seggio all'interno del bureau
dell'iniziativa internazionale: sono gli altri temi su cui
punterà il testo. "Siamo in un passaggio fondamentale per la
vita del Patto dei sindaci, che dopo il 2020 rischia di avere i
suoi firmatari dimezzati", spiega Brighenti. Entro la fine del
prossimo anno, infatti, saranno confermate le sottoscrizioni
solamente dei comuni che avranno rendicontato i progressi fatti
in termini di efficienza energetica e taglio delle emissioni.
"Uno sforzo burocratico per il quale sono richieste competenze
che non tutte le municipalità hanno", insiste Brighenti, che a
fine mese sarà a Bruxelles per incontrare i soggetti europei
maggiormente coinvolti sul tema. Il testo sarà votato dalla
commissione Ambiente del CdR a settembre. (ANSA).

     YRW-AN
12-GIU-19 14:03 NNN