Sardegna: Mostra Storia Sociale e Industriale miniere Sulcis

lunedì 6 novembre 2006


Sardegna: Mostra Storia Sociale e Industriale miniere Sulcis

(regioni.it) Il modo migliore per onorare una ''memoria storica'' come quella delle miniere del Sulcis e' di rilanciarne la produzione (''nel fondamentale campo energetico'') per dare anche una risposta alla pressante domanda di lavoro di tale area. L'ha sottolineato il presidente della Regione Sardegna, Renato Soru, nel corso della manifestazione che si e' svolta oggi a Carbonia per l'apertura della Mostra permanente sulla Storia Sociale e Industriale del Bacino minerario del Sulcis, inaugurata dal presidente della Camera, Fausto Bertinotti.

Il presidente della Regione ha anche accennato brevemente all'attivita' della Giunta, ricorrendo a una metafora del mondo rurale per ribattere alle accuse di inerzia soprattutto sul fronte dell'occupazione e dello sviluppo. ''Prima della raccolta - ha spiegato - occorre arare il campo e procedere alla semina. Il contadino questo lo sa e sa che occorre pazienza, una dote che oggi scarseggia''.

Soru ha poi accompagnato il Presidente della Camera a una visita nella

miniera di Serbariu, dove nella Lampisteria si trova la Mostra permanente e all'ingresso e' stata scoperta, da un minatore, una targa ricordo della cerimonia.

Infine il colosso dell'alluminio russo Rusal, terzo gruppo mondiale del settore, ha portato a termine l'acquisizione del 56,2% di Eurallumina, impianto che produce ossido di alluminio, situato in Sardegna a Portoscuso (Cagliari). La partecipazione faceva capo a un altro colosso del settore minerario, Rio Tinto. Eurallumina e' l'unico impianto posseduto dai russi in Italia.

(red/03.11.06)

 

N. 815 - 03 Novembre 2006