Imprese: Zingaretti, Lazio Start up non logo ma politica

venerdì 3 ottobre 2014



ZCZC4011/SXR
XRR02799
R POL S43 QBXL

Innovazione riguardi anche spending review, no tagli servizi
(ANSA) - ROMA, 3 OTT - "'Lazio Start Up' é un approccio
sistemico. Non è solo un logo, ma una politica, partita un anno
fa e discussa con gli attori locali, a sostegno della
costruzione di un habitat più utile". Lo ha detto il presidente
della Regione Lazio, che stamattina ha preso parte ai lavori di
"'Boosting' a creative start-up ecosystem", l'appuntamento
internazionale promosso dalla Regione Lazio all'interno della
Maker Faire e della sua Innovation Week, un'occasione per
permettere ad amministratori, politici, venture capitalist,
acceleratori e altri operatori del settore Start up di discutere
sulle opportunità e gli strumenti in grado di sostenere la
costruzione di 'ecosistemi creativi', un'occasione di confronto
sulle policy che, grazie al contributo degli operatori delle
realtà più dinamiche a livello mondiale e degli studiosi, punta
a individuare le iniziative potenzialmente realizzabili nel
Lazio. Zingaretti, dopo la presentazione del Gec 2015 di Milano,
ha partecipato a una tavola rotonda con Carlotta De Franceschi
di Action Institute, il vicepresidente della Banca europea
investimenti Dario Scannapieco e l'ad di Telecom Marco Patuano.
"Bisogna migliorare gli standard qualitativi della pubblica
amministrazione - ha detto il governatore - incrociandoli con il
tema della spending review. Non è più sostenibile il tema della
riduzione spesa grazie alla riduzione dei servizi. Io voglio
scommettere sulla riduzione della spesa aumentando e migliorando
i servizi. Il primo compito di una politica di innovazione è far
cimentare quest'ultima sui nodi della paralisi dello Stato. O si
chiude con pigrizia o non ce la faremo mai". In questo senso si
inseriscono le politiche di Start up Lazio: "Abbiamo già aperta
una politica di sostegno con oltre 35 milioni di investimenti e
nella futura programmazione Ue abbiamo oltre 100 milioni
finalizzati non solo al sostegno delle start up ma anche alla
creazione di un habitat naturale confortevole per accoglierle.
Già oggi - ha concluso - siamo la terza regione italiana per la
creazione delle startup". (ANSA).

J5JZ/MB
03-OTT-14 14:45 NNN