EXPO ASTANA. PRESO IL TESTIMONE DI MILANO 2015

giovedì 4 maggio 2017



ZCZC
DIR0678 3 POL 0 RR1 / DIR


OCCASIONE PER INVESTIRE NELLE RINNOVABILI E AGROALIMENTARE

(DIRE) Roma, 4 Mag. - "L'Expo di Astana 2017, dedicato
all'energia del futuro, prende idealmente il testimone dell'Expo
di Milano 2015". Introduce cosi' la partecipazione dell'Italia
all'Expo di Astana 2017 Benedetto Della Vedova, oggi pomeriggio
alla Farnesina.
Il padiglione Italia per Della Vedova e' "uno sforzo corale"
poiche' alla sua creazione hanno partecipato "governo, regioni e
imprese, soprattutto quelle del settore energetico". Nei tre mesi
dell'Expo l'Italia promuove varie conferenze, workshop,
proiezioni e altri eventi tra cui lo spettacolo 'Essere Leonardo
da Vinci, un'intervista impossibile'.
"L'investimento fatto dall'Italia in Expo Astana- prosegue-
potra' aprire opportunita' interessanti per le nostre imprese,
come gia' visto a Milano nel 2015: creare rapporti, aprire e
consolidare importanti prospettive di crescita in un
paese-cerniera tra l'Europa e l'Asia centrale", conclude Della
Vedova.
"L'attenzione del governo per il tema energetico e' massima e
il nostro paese nel campo delle rinnovabili esprime
un'eccellenza, che esportiamo anche in paesi tecnogicamente
avanzatissimi come gli Stati Uniti", per questo il tema di Astana
e' "particolarmente congeniale per il nostro paese", dice il
sottosegretario allo Sviluppo economico Ivan Scalfarotto.
L'Italia, spiega ancora, "ha raggiunto in parte gli obiettivi
di sostenibilita' fissati dall'Ue: il 39% dell'energia prodotta
e' 'verde', contro il 30 della Germania. Ma il ministro
Calenda-ricorda- sta elaborando una nuova strategia energetica
per proseguire su questa strada". In particolare servono "nuovi
canali di approvvigionamento, impermeabili ai cambiamenti
internazionali come crisi o conflitti". Il Kazakistan, uno dei
principali produttori mondiali di petrolio e materie prime, si
sta dedicando dell'efficienza energetica e in questo ambito "le
nostre imprese possono investire, ma non solo: importante anche
il settore dell'agroalimentare", aggiunge Scalfarotto, "anche
data la vicinanza del mercato cinese".
"Abbiamo attivato convenzioni con le Universita', per avere
studenti volontari nel padiglione Italia a cui diamo
l'opportunita' di imparare il russo, e avremo la presenza di vari
testimoni" annuncia invece l'ambasciatore italiano in Kazakistan,
Stefano Ravagnan, che segue con attenziine il cantiere del
padiglione italiano.
Spetta poi a Stefano Bonaccini descrivere la partecipazione
delle regioni, ognuna delle quali organizzera' settimana di
eventi per illustrare le proprie specificita' : "15 in tutto -
apre la Campania e chiude l'Emilia Romagna - per rilanciare lo
sviluppo e quindi la creazione di posti di lavoro", andati
bruciati in migliaia a causa della crisi.
(Alf/ Dire)
18:18 04-05-17

NNNN


NNNN