Toscana, Rossi ai prefetti: su export valutare anche indotto

lunedì 27 aprile 2020


ZCZC PN_20200427_01229 4 CRO gn00 rg17 XFLA Toscana, Rossi ai prefetti: su export valutare anche indotto ""Si considerino imprese con 50% fatturato rivolto a estero"" Firenze, 27 apr. (askanews) - Il presidente della Toscana Enrico Rossi scrive ai prefetti sulla riapertura delle aziende strategiche dell'export. In Toscana si calcola che potrebbero essere circa duemila le aziende leader interessate, ma con fornitori e filiera il perimetro si allarga ulteriormente. L'export non è infatti un segmento staccato dal resto dell'economia. Ma come individuare queste aziende? ""Si dovranno considerare - scrive Rossi nella lettera ai prefetti - le imprese per cui almeno il 50 per cento del proprio fatturato , in almeno uno degli ultimi tre anni, è rivolta all'estero"". Imprese e indotto. ""E siccome non vi è nessun dato che consenta di cogliere le imprese appartenenti alle filiere - prosegue Rossi - tutto questo deve basarsi su una autocertificazione da parte dell'impresa leader, che, oltre a dichiarare che almeno la metà del proprio fatturato è rivolto all'export, dichiara anche quali sono le imprese della propria filiera"". La Regione, pensando ad una riapertura anticipata, aveva individuato dieci giorni fa tremila aziende toscane che esportano almeno il 25 per cento sui mercati internazionali: imprese che producono macchinari, altre della pelletteria e del cuoio, l'oreficeria di Arezzo e tutto il settore della moda, 90 mila lavoratori diretti ed altri 25 mila nell'indotto che insieme realizzano un terzo del Pil regionale. La nota dei ministeri, che limita la possibilità di una apertura anticipata prima del 4 maggio alle solo attività produttive ""orientate in modo prevalente alle esportazione"", ovvero che esportano per almeno la metà del fatturato, riduce il perimetro. Ma secondo l'Irpet, l'istituto di programmazione economica della Regione, ne rimarrebbero circa duemila. Inoltre considerando che un'impresa può portarsi dietro tutto l'indotto e la rete di fornitori, alla fine le aziende con i requisiti per rimettersi subito in moto sarebbero molte di più. Xfi Firenze, 27 APR 2020 22:05 " NNNN