Riforma P.A. : Bonaccini (Regioni), si va avanti a passo spedito, c’è condivisione di metodo e sostanza

giovedì 3 marzo 2016


 

Roma, 3 marzo ‘16 (comunicato stampa) “La riforma della Pubblica Amministrazione procede a passo spedito grazie anche al concorso delle Regioni”, lo ha dichiarato il Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, commentando il via libera ad alcuni decreti legislativi che attuano la Legge 124 del 2015. “Come avevamo concordato nel corso del confronto con il Ministro Madia”, avvenuto proprio nella sede della Conferenza delle Regioni lo scorso 25 febbraio, “abbiamo fornito il parere a provvedimenti importanti che riguardano la semplificazione della ‘segnalazione certificata di inizio attività’, con una ‘SCIA’ unica, la razionalizzazione delle Conferenze dei servizi, la trasparenza e il codice dell’amministrazione digitale solo per fare qualche esempio.
C’è stata – ha aggiunto Bonaccini - una condivisione di metodo e di sostanza sullo spirito della riforma e sulla sua fase attuativa. Credo che grazie anche alla collaborazione delle Regioni sia stato possibile migliorare i testi presentati.
Una modalità di lavoro che ci ha permesso di raggiungere nel corso di questi mesi risultati soddisfacenti e che dovremo incentivare anche per il futuro per farla diventare, al di là della rigida ripartizione delle competenze, una modalità ordinaria di lavoro che facili l’impegno degli operatori del settore nella ricerca delle soluzioni migliori per aiutare cittadini e imprese.
Considero particolarmente importante, fra i provvedimenti licenziati oggi – ha spiegato il Presidente della Conferenza delle Regioni - il codice dell’amministrazione digitale, anche perché abbiamo trovato un modello organizzativo e tecnologico che oltre ad essere chiaro coinvolge diversi livelli istituzionali. E’ molto importante concentrarsi sui principi di un corretto utilizzo del digitale e non sui dettagli tecnici perché talvolta il meglio è nemico del bene. Credo poi che sia importante la semplificazione delle attività della Conferenza dei Servizi che renderà molto più agevole l’attività di operatori pubblici e privati.
Infine per quello che riguarda l’attività di molti imprenditori per gli interessi di tanti cittadini è fondamentale il fatto che si arrivi ad una ‘segnalazione certificata di inizio attività’ unica che abbia come riferimento uno sportello in ogni amministrazione. E’ una svolta significativa per la quale abbiamo chiesto che si possa partire dal 1 gennaio 2017. Mi auguro – ha concluso Bonaccini - che questa fase di collaborazione prosegua perché penso che una pubblica amministrazione più efficace e più efficiente sia un interesse prioritario di tutte le istituzioni della Repubblica”.