+T -T


Lotta alla povertà: intesa in Conferenza Unificata, 297 milioni destinati a Regioni e ad Enti locali

giovedì 10 maggio 2018

Bonaccini: reddito di inclusione, scelta di solidarietà ed umanità

Roma, 10 maggio 2018 (comunicato stampa) Si va verso l’intesa Stato-Regioni-Enti locali, in Conferenza Unificata, sul Decreto di riparto della quota di risorse del “Fondo povertà” destinata al finanziamento dei servizi territoriali e per l’adozione del piano per gli interventi e i servizi di contrasto alla povertà. “Diamo il via libera - ha spiegato il presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Stefano Bonaccini - al provvedimento che da un lato definisce le risorse per un triennio, dall’altro fa partire il primo Piano per gli interventi e i servizi sociali di contrasto alla povertà, prevedendo 297 milioni di euro per il 2018, 347 nel 2019 e 470 nel 2020. Oggi abbiamo dato l’intesa alla suddivisione delle risorse solo per il 2018. Si deve dare atto del lavoro portato avanti con continuità, anche in queste ultime settimane, dal ministro Poletti e dalle Regioni. Un impegno essenziale per rendere concreta quella scelta di solidarietà ed umanità che è il Reddito di inclusione. Le somme stanziate – ha aggiunto Bonaccini - serviranno in gran parte, 272 milioni nel 2018, al finanziamento dei servizi per l’accesso al Reddito di inclusione (Rei) con l’obiettivo di identificare sul territorio i bisogni veri dei nuclei familiari e per individuare i sostegni necessari per i progetti personalizzati”.

20 milioni finanzieranno interventi specifici e servizi in favore delle persone in condizione di povertà estrema e senza dimora. 5 milioni finanzieranno invece, in via sperimentale, interventi in favore di coloro che al compimento della maggiore età, vivano fuori dalla famiglia di origine sulla base di un provvedimento dell’autorità giudiziaria e serviranno anche a prevenire condizioni di povertà, permettendo loro di completare il percorso di crescita verso l’autonomia.

 

Regioni*

Somme assegnate agli ambiti territoriali di ciascuna regione destinate al finanziamento dei servizi per l’accesso al ReI, per la valutazione multidimensionale finalizzata ad indentificare i bisogni del nucleo familiare e per i sostegni da individuare nel progetto personalizzato del ReI

Regioni al netto dei comuni capoluogo di città metropolitane, di cui alla sez. a)

Somme riservate al finanziamento di interventi, in via sperimentale, in favore di coloro che, al compimento della maggiore età, vivano fuori dalla famiglia di origine sulla base di un provvedimento dell’autorità giudiziaria

Abruzzo

6.147.200,00

374.000,00

100.000,00

Basilicata

2.828.800,00

100.000,00

50.000,00

Calabria

12.811.200,00

362.400,00

150.000,00

Campania

45.886.400,00

578.400,00

400.000,00

Emilia Romagna

12.566.400,00

1.181.600,00

400.000,00

Friuli Venezia Giulia

3.563.200,00

403.000,00

100.000,00

Lazio

24.534.400,00

300.000,00

400.000,00

Liguria

5.331.200,00

100.000,00

300.000,00

Lombardia

31.715.200,00

1.500.600,00

600.000,00

Marche

5.576.000,00

333.400,00

150.000,00

Molise

1.414.400,00

100.000,00

50.000,00

Piemonte

16.401.600,00

462.400,00

450.000,00

Puglia

23.419.200,00

862.600,00

400.000,00

Sardegna

8.540.800,00

403.000,00

150.000,00

Sicilia

42.676.800,00

636.400,00

450.000,00

Toscana

11.723.200,00

775.600,00

350.000,00

Umbria

3.209.600,00

100.000,00

100.000,00

Valle d’Aosta

408.000,00

100.000,00

50.000,00

Veneto

13.246.400,00

1.326.600,00

350.000,00

Totale

272.000,00

10.000.000,00

5.000.000,00

* Occorre considerare che insistono sul settore anche le somme assegnate al complesso degli ambiti territoriali della Regione a valere su PON inclusione riferibili al 2018, oltre 160 milioni

 

Comuni capoluogo delle città metropolitane con più di 1.000 senza dimora

Risorse parte fissa **

Persone senza dimora (valori assoluti)

Quota di riparto variabile

Risorse parte variabile

Risorse assegnate

Bologna

300.000,00

1.032

3,4%

284.400,00

558.400,00

Firenze

300.000,00

1.992

6,6%

545.100,00

801.600,00

Genova

300.000,00

1.125

3,7%

281.200,00

581.200,00

Milano

300.000,00

12.004

40,0%

3.270.600,00

3.340.000,00

Napoli

300.000,00

1.559

5,2%

426.600,00

695.200,00

Palermo

300.000,00

2.887

9,6%

790.000,00

1.029.600,00

Roma

300.000,00

7.709

25,7%

2.109.300,00

2.253.200,00

Torino

300.000,00

1.729

5,8%

474.000,00

740.800,00

Totale

2.400.000,00

30.037

100,0%

7.900.000,00

10.000.000,00