Scala: 2200 biglietti a 2 euro per giovani fra 18 e 25 anni

martedì 18 settembre 2018



ZCZC
AGI0279 3 SPE 0 R01 /

Scala: 2200 biglietti a 2 euro per giovani fra 18 e 25 anni  =
(AGI) - Milano, 18 set. - Avvicinare i giovani all'opera lirica, al
balletto e alla cultura. Con questo obiettivo il ministro per i beni
e le attivita' culturali Alberto Bonisoli, durante una conferenza
stampa congiunta  con il sovrintendente del teatro alla Scala
Alexander Pereira, ha annunciato una iniziativa che dal prossimo anno
coinvolgera' tutte le 14 fondazioni lirico sinfoniche, Scala in
primis. "Anche qui, come abbiamo fatto per i musei, ci sara' la
possibilita' di acquistare biglietti a 2 euro per i ragazzi che vanno
dai 18 ai 25 anni. Ci saranno 100 posti per loro in ogni
rappresentazione" . E visto che il cartellone del Piermarini prevede
15 opere piu' 7 balletti, il conto e' presto fatto: "la Scala
offrira' a 2 euro, 2200 posti" ha detto il ministro, spiegandone la
genesi del progetto. "Questo e' un modo per far conoscere a tutto il
mondo l'enorme patrimonio della lirica a persone che non sono
abituate ad ascoltare l'opera per alcune ore".
(AGI)Cre
181249 SET 18

NNNN


ZCZC
AGI0334 3 SPE 0 R01 /

Scala: 2200 biglietti a 2 euro per giovani fino a 25 anni (2) =
(AGI) - Milano, 18 set. - Il ministero ha successivamente precisato
che il biglietto a 2 euro sara' offerto a tutti i giovani under 25 e
non solo a quelli nella fascia compresa tra i 18 e i 25 anni.
Soddisfazione da parte del sovrintendente per l'iniziativa e anche
per la visita del ministro: "e' la prima volta nella storia della
Scala che un ministro e' venuto qui, per discutere dei nostri
problemi. So che non lo fa solo qui, ma gli sono molto grato per il
fatto di essere venuto in teatro".
"In questi mesi in cui ho assunto questo nuovo ruolo, ho visitato
diverse citta', Torino e Venezia solo la settimana scorsa - conclude
Bonisoli - Adesso sono qui in una delle realta' piu' prestigiose. A
Milano ne visitero' anche altre, perche' questa citta' ha molto da
dire dal punto di vista culturale".
(AGI)Cre
181333 SET 18

NNNN