[Comunicato stampa Giunta regionale Lombardia]
LN/L-LOMBARDIA. CANALE MN-VE: GESTIONE UNITARIA LOMBARDIA VENETO

lunedì 12 agosto 2002


(Ln - Milano, 12 ago) La Giunta regionale, su proposta dell'assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Massimo Corsaro, ha approvato l'accordo tra le Regioni Lombardia e Veneto per la gestione unitaria della via navigabile Mantova - Venezia. Questo canale si sviluppa, partendo da Mantova Valdaro, per una lunghezza complessiva di circa 135 chilometri (di cui circa 35 in territorio lombardo), fino al mare, con un percorso sostanzialmente parallelo al fiume Po. Tocca le province di Mantova, Verona e Rovigo. E' suddiviso in 6 tronchi da cinque sostegni con conca, il primo dei quali è situato in territorio lombardo. E' percorribile da imbarcazioni della quinta classe CEMT, che possono essere lunghe fino a 110 metri, larghe 11,4, con un pescaggio minimo di due metri e mezzo, e che possono trasportare circa 1.500 tonnellate di materiali. Recentemente sono stati ultimati i lavori per il ripristino della navigabilità nella zona di Mantova, e sono state effettuate positive prove di navigazione per passeggeri e merci. L'accordo approvato si propone di garantire l'apertura alla navigazione tutto l'anno per 24 ore al giorno, e di dare agli utilizzatori un unico referente per quanto riguarda la percorribilità del canale. La Regione Lombardia, tramite l'Azienda regionale per i porti di Cremona e Mantova, garantirà la gestione e la manutenzione ordinaria fino alla conca di Trevenzuola; la Regione Veneto da qui al mare. Responsabile dell'attività di promozione dei traffici commerciali sarà la Lombardia, con un programma annuale da concordare con il Veneto. L'accordo, valido sino a dicembre 2005, sarà rinnovabile di tre anni in tre anni. Una stima dei costi per il tratto lombardo parla di circa 205.000 euro a carico della Regione Lombardia.(ln) Man - 020812L