[Comunicato stampa Giunta regionale Veneto]
1254/2002 OLTRE 9 MILIONI DI € NEL 2002 PER INTERVENTI SULL'EDILIZIA SCOLASTICA

lunedì 12 agosto 2002


(AVN) - Venezia, 12 ago. - Sono state approvate dalla giunta regionale del Veneto, sentita la competente commissione consiliare, le graduatorie e le priorità per il finanziamento delle domande presentate all'Assessorato ai Lavori Pubblici nel 2002 per interventi sull'edilizia scolastica. "Sono pervenute quasi 1200 domande per un totale ammissibile a contributo di circa 50 milioni di euro (100 miliardi di vecchie lire) - ha dichiarato l'assessore regionale ai lavori pubblici Massimo Giorgetti (Alleanza Nazionale) - e quindi è stato necessario operare delle scelte di priorità ma affermando contestualmente la volontà di dare risposta a più richieste possibile tra quelle pervenute." Sono stati quindi cofinanziati al 46% tutti gli interventi relativi alla sicurezza degli alunni e cioè bonifiche da amianto ed adeguamenti alla normativa nazionale sulla sicurezza (legge 626/94). "Su questo criterio - ha proseguito l'assessore Giorgetti - abbiamo già provveduto ad impegnare oltre 4,5 milioni di euro per circa 350 interventi". In particolare, riparto 2002 assegna 315.926 euro in provincia di Belluno per 24 interventi, 1.341.311 euro a Padova per 88 interventi, 316.804 euro a Rovigo per 25 interventi, 879.140 euro a Treviso per 84 interventi, 282.795 euro a Venezia per 19 interventi, 721.208 euro a Verona per 64 interventi e 591.097 a Vicenza per 42 interventi. "Al fine di dare soddisfazione al maggior numero di domande pervenute, convinti che gli investimenti sulla scuola siano strategici nel nostro Veneto in quanto investimento sui nostri figli e quindi sul futuro, abbiamo deciso - ha aggiunto Giorgetti - di mantenere la graduatoria aperta anche per il prossimo anno". L'ordine di priorità fissato per i successivi finanziamenti privilegia le scuole materne per tutte le categorie di lavori, seguite dalle altre scuole in ordine ai lavori da svolgere relativamente a: 1) Servizi Sanitari, 2) Impianti Tecnologici, 3) Cucine e mense, 4) Spazi per la didattica, 5) Spazi interni ed esterni per sport, 6) Sostituzione infissi. "La scelta di privilegiare la scuola materna - ha precisato Giorgetti - non è casuale e non deriva solo dal grande numero di domande presentate, ma è una precisa scelta politica di questa amministrazione regionale di aiutare concretamente una realtà che oltre ad educare il bambino, fornisce un importante servizio alla famiglia ed in moltissimi casi è di tipo privato e supplisce ed integra il servizio pubblico in maniera determinante. Penso in particolare alle piccole realtà parrocchiali che svolgono un servizio insostituibile grazie anche alla partecipazione dei genitori. In coerenza con questa logica va letta anche la scelta del Consiglio Regionale che, su mia proposta, ha stanziato nell'assestamento di bilancio ulteriori 5 milioni di euro e che mi permetterà nel mese di settembre di provvedere ad un nuovo significativo finanziamento sulle graduatorie approvate".