[Comunicato stampa provincia autonoma di Trento]
Impegno a favore della legge di iniziativa popolare COMMISSIONE PARI OPPORTUNITA: ECCO LE INIZIATIVE Un vademecum per chi vuole uscire dalla prostituzione

martedì 13 agosto 2002


(p.t.) - Prosegue il lavoro della Commissione provinciale pari opportunità, presieduta da Lucia Martinelli. E prosegue l'impegno a sostegno della legge di iniziativa popolare. La Commissione, riunita giovedì scorso, ha anche discusso del proprio programma triennale, di corsi della formazione professionale e della manifestazione "Meeting Donna Sprint" e del progetto Leader Plus. È stato anche tradotto l'opuscolo "I diritti delle donne" in inglese e francese per le donne immigrate, mentre l'Associazione femminile della Val di Cembra "Vantessa" avrà il supporto della Commissione provinciale; è stata infine decisa la partecipazione al progetto interregionale "Centro Risorse Donne". Vediamo, in sintesi, gli argomenti affrontati nella riunione dell'8 agosto. Raccolta firma per una legge di iniziativa popolare volta a garantire paritarie condizioni di accesso di candidati e candidate alle liste elettorali. Sono stati organizzati tavoli di raccolta firme a Trento e a Borgo Valsugana, che hanno visto la partecipazione dell’assessore Berasi e dei consiglieri provinciali Conci, Chiodi, Dalmaso e Dominici. Solo a Trento sono state raccolte circa 280 firme, cui si dovranno aggiungere le firme depositate presso le sedi dei Comuni del Trentino. Traduzione dell’opuscolo “I diritti delle Donne”: L’ opuscolo è stato tradotto in inglese e francese e prossimamente verrà stampato in queste lingue, in modo da renderlo di più facile utilizzo per le donne immigrate. La Commissione ha deciso, inoltre, di aderire alla manifestazione “Meeting Donna Sprint - Gara internazionale di atletica leggera femminile”. Si è, quindi, ribadito da parte della Commissione provinciale pari opportunità la volontà di proseguire la collaborazione all’ interno del progetto europeo LEADER Plus. Tra le decisione spicca la scelta di supportare l’iniziativa dell’ Associazione femminile della Val di Cembra “Ventessa”, per le sue caratteristiche di promozione sul territorio dell’imprenditorialità femminile e del “fare delle donne”. La Commissione ha anche stabilito di partecipare al progetto interregionale “Centro Risorse Donne” per la messa in rete e la condivisione di esperienze di buone prassi; tale progetto prevede anche un interessante risvolto sul versante della formazione. È stata, poi, predisposta una lista di donne esperte in materia di pari opportunità da proporre ai diversi Enti gestori accreditati all’ organizzazione dei corsi sul Fondo Sociale Europeo. La commissione ha già ; stipulato con alcuni enti gestori una convenzione di collaborazione. Tra gli argomenti che la Commissione discuterà prossimamente la “ Legge sulla Consulta”, e il problema della tratta delle prostitute (si sta predisponendo un vademecum per le prostitute che desiderano uscire da tale condizione). È stato, infine, fatto il punto sulla "Banca dati nomine", un lavoro relativo alla stima della presenza delle donne nei ruoli nelle varie commissioni e comitati, negli enti o organismi paraprovinciali, nelle società o aziende partecipate della Provincia che prevedono negli organismi direttivi persone designate nominativamente dall’amministrazione provinciale.