[Comunicato stampa Giunta regionale Toscana]
BIOLOGICO A MENSA, I CONTRIBUTI DELLA REGIONE

venerdì 3 gennaio 2003


Ufficio Stampa Regione Toscana

03.01.2003 - Contributi per le mense e le refezioni dei Comuni, degli ospedali e delle università, che decideranno di proporre nei loro menù quote importanti di prodotti biologici, ma anche di prodotti di agricoltura integrata e di prodotti tipici, strettamente legati al territorio. E' quanto sarà possibile assegnare grazie al regolamento attuativo della legge regionale 18/2002 ("Norme per l'introduzione dei prodotti biologici, tipici e tradizionali nelle mense pubbliche e programmi di educazione alimentare nella Regione Toscana) che il governo regionale ha approvato negli scorsi giorni, su proposta dell'assessore all'agricoltura Tito Barbini. La legge, ricordiamo, ha stanziato risorse significative per i programmi di finanziamento che ogni anno la giunta dovrà predisporre entro il 15 febbraio: si parla di 2 milioni e 580 mila euro per il triennio 2002-2004. La concessione dei contributi prevede alcune priorità, a favore ad esempio degli enti che per la prima volta inseriranno i prodotti biologici, integrati o tipici nelle loro mense e refezioni, che utilizzeranno la maggiore percentuale di questi prodotti e comunque di prodotti caratteristici della dieta mediterranea, che nella scelta dei menù daranno più spazio ai prodotti di stagione e della tradizione locale, che utilizzeranno personale con specifica preparazione nel settore della cucina biologica, che privilegeranno i sistemi di cottura a fuoco rispetto a quelli a forno, nonché la preparazione ed il consumo degli alimenti nello stesso luogo rispetto alla fornitura di pasti preconfezionati. Per accedere ai contributi i beneficiari dovranno istituire anche delle "commissioni mensa" nelle quali sia prevista la partecipazione di rappresentanti degli utenti con compiti di verifica e di controllo. Il regolamento prevede anche la concessione dei contributi ai Comuni per progetti di educazione alimentare degli utenti delle mense, nonché di aggiornamento professionale del personale scolastico ed addetto ai servizi di mensa. I progetti dovranno promuovere il modello di alimentazione mediterraneo, puntando all'adozione di corretti comportamenti alimentari e nutrizionali e ad una maggiore conoscenza sui sistemi di produzione rispettosi della salute e dell'ambiente. (pc)