[Comunicato stampa Giunta regionale Friuli Venezia Giulia]
PIANIFICAZIONE TERRITORIALE: 6,3 MILIONI DI EURO A TRIESTE

lunedì 3 febbraio 2003


(ARC) Trieste, 03 feb - La Regione sosterrà con 6.335.099 di euro nove interventi di riqualificazione urbana a Trieste.

Lo ha stabilito oggi la giunta regionale su proposta dell'assessore alla Pianificazione territoriale Federica Seganti, ammettendo a totale finanziamento la ripavimentazione e l'arredo urbano di piazza Tra i Rivi a Roiano; il recupero di Giardino papaveri e fiordalisi in zona Mandria, con la creazione di una pista polivalente, spazi ricreativi e parcheggi; il recupero dell'area circostante il laghetto di Basovizza con la creazione di aree verdi attrezzate ed una pista ciclabile; la riqualificazione del centro civico, il recupero ambientale di Strada Vicentina e nuovi parcheggi in zona cimitero a Opicina; il recupero del giardino di via Forti e la realizzazione di aree ricreative in zona mercato a Borgo San Sergio.

"Si tratta perlopiù di opere che, secondo quanto previsto sull'argomento dall'Obiettivo 2, tendono alla riqualificazione del tessuto urbano di periferia - nota l'assessore - un programma che mira al miglioramento della qualità della vita in queste aree restituendo attrattività a zone che oggi sono piuttosto trascurate".

Seganti ricorda inoltre che il vigente piano finanziario consente di assegnare in tutto, per tale tipo di interventi, risorse per oltre 12 milioni di euro, con cui però occorre far fronte anche alle richieste di finanziamento, attualmente al vaglio degli uffici, avanzate dal Comune e dalla Camera di Commercio di Gorizia.

"Abbiamo quidi deciso - conclude l'assessore - di mettere a disposizione del Comune di Trieste le risorse già disponibili ad effettuare, sugli 11 interventi ammessi a contributo, i primi nove; restiamo ora in attesa che lo stesso Comune ci dia, al più presto, indicazioni sulla realizzazione degli ultimi due e cioè i percorsi pedonali relativi all'ex caserma Cimone e i parcheggi a Banne e la pista ciclabile Opicina - Banne, in modo da poter provvedere all'erogazione dei fondi necessari se, a questo punto, le risorse disponibili lo consentiranno".

LVZ