[Comunicato stampa Giunta regionale Toscana]
SULLE COSTE TOSCANE OLTRE 15 MILIONI DI PRESENZE TURISTICHE OGNI ANNO. AL VIA IL 7 FEBBRAIO 'BALNEARIA', QUARTO SALONE DELL'ARREDO DA MARE

lunedì 3 febbraio 2003


Ufficio Stampa Regione Toscana03.02.2003 - Nella Toscana delle Toscane il turismo balneare gioca un ruolo di primo piano: il 27 per cento dell'offerta ricettiva, addirittura il 53 per cento dei posti letto disponibili in tutta la regione, sono concentrati nelle cinque province balneari della Toscana. "Gli arrivi nelle nostre località di sono quasi 3 milioni e le presenze superano oramai di gran lunga quota 15 milioni sui 38 milioni complessivi registrati nel 2001 in tutta la regione. Tra loro gli stranieri rappresentano un terzo". Lo ha sottolineato l'assessore al turismo Susanna Cenni, che stamani ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione di "Balnearia", salone delle attrezzature per il mare e dell'arredo per esterni giunto alla sua quarta edizione e che si aprirà a Carrara il 7 febbraio, in contemporanea con la Borsa del turismo costiero, balneare e subacqueo. "Certo ci sono aree, come la Versilia, che negli ultimi anni hanno avuto qualche problema di ridimensionamento della propria attrattiva - prosegue l'assessore - Con la Provincia di Lucca abbiamo dato inizio ad un progetto speciale per rilanciare domanda ed offerta. Ma anche saloni come "Balnearia", con tutto quello che di nuovo il mercato può offrire per quanto riguarda attrezzature ed arredi da mare, possono aiutare o quantomeno essere da guida per la qualificazione dei servizi, che deve essere costante". La giunta toscana, anche per questo, ha inserito la rassegna di Carrara nel proprio piano promozionale regionale. "Finora - conclude l'assessore - il modello turistico toscano ha scommesso soprattutto su un indiscutibile "appeal", ma di fronte a scenari complessi come si sono rivelati già nel corso del 2002 e di fronte all'emergenza di paesi più competitivi, in futuro saranno necessarie strategie più articolate e più efficaci che la Regione ha già iniziato a programmare e mettere in atto". (wf)