[Comunicato stampa Giunta regionale Calabria]
LA GIUNTA REGIONALE

martedì 11 gennaio 2005


premesso: - che l’art. 17, c. 5, della legge urbanistica regionale n. 19/2002 prevede che la Giunta Regionale elabora le linee guida della pianificazione regionale e lo schema base della Carta Regionale dei suoli, indicendo, a tal fine, una specifica Conferenza di pianificazione; - che l’Assessorato all’Urbanistica ha costituito, con delibera Giunta Regionale n. 495 del30 giugno 2003 apposito gruppo di lavoro, che ha predisposto un primo studio preliminare, dichiaratamente aperto alle eventuali emende ed integrazioni, dandone la massima diffusione e sollecitando tutti gli apporti collaborativi delle istituzioni, associazioni ed organismi interessati ed, in particolare, di quelli professionali; - che, a seguito di ciò, sono risultate alcune osservazioni di merito ed altre di carattere generale, inerenti alla procedura e metodologia; - che, perseguendo l’intento di addivenire al più valido risultato condiviso, nella osservanza della lettera e dello spirito del disposto di legge, dopo anche seduta di audizione dinanzi alle Commissioni I e IV del Consiglio Regionale, lo studio, con alcuni emendamenti discendenti dalle osservazioni predette, è stato proposto, come richiesto rituale documento preliminare, nella indetta conferenza di pianificazione, allargata anche a soggetti diversi da quelli espressamente contemplati dal citato art. 17, c. 5, e svoltasi in data 23.12.2003; - che, in base al dibattito svoltosi, la pratica non è stata definita in tale sede aprendosi, invece, nuove consultazioni, anche informali, con le parti interessate per ulteriore approfondimento e contributi; - che, all’esito, lo studio è stato ridefinito ed è stato integrato con lo schema base della Carte Regionale dei Suoli, opportunamente “ribattezzata” come Carta dei Luoghi, per essere sottoposto come definitivo documento preliminare a nuova conferenza di pianificazione; - che la preventivata nuova conferenza di pianificazione, ancora più estesa, è stata indetta per il giorno 30.07.2004 e si è svolta in tale data con ulteriore ampio dibattito, all’esito del quale è stato chiesto un congruo termine sino al 15.10.04, tenendo anche conto del periodo feriale per la trasmissione di osservazioni scritte; - che on data 16 ottobre sono pervenute le osservazioni scritte a cura dell’ANCI-UPI e delle categorie professionali tecniche; - che tali osservazioni sono state sottoposte all’esame del gruppo di lavoro e singoli componenti, in relazione agli specifici pregressi apporti, hanno espresso i loro chiarimenti e le loro valutazioni; - che, a seguito di ciò, è stato elaborato il testo finale a cura diretta del Dipartimento dell’Assessorato, che ha apportato le modifiche ed integrazioni sulla base di quanto risultante dagli atti e protocolli di cui sopra, recepiti nell’ambito e nei limiti della natura e funzione interinale delle Linee Guida, con riserva di ulteriori approfondimenti ed integrazioni, anche per quanto ulteriormente proposto, in sede di elaborazione degli altri strumenti regionali previsti dalla legge urbanistica e per i quali sono state avviate le procedure; - che tale studio definitivo è costituito da cinque capitoli come segue titolati: - Capitolo I – Generalità; - Capitolo II – Fondamenti della legge urbanistica regionale; - Capitolo III – Sistemi della pianificazione: individuazione, valutazione, direttive e prescrizioni; - Capitolo IV – La pianificazione paesistica: - Capitolo V – Disposizioni generali per la salvaguardia del territorio; e da tre allegati: - Allegato I – Schede tecniche; - Allegato II – Schema base della “Carta regionale dei luoghi”; - Allegato III – Considerazioni interpretative. - che la trama è costituita dall’esposizione dei principi ispiratori, correlati con la normativa vigente e, specificatamente, con la legge urbanistica regionale, seguiti dalle conseguenziali determinazioni, che di volta in volta vengono espresse in finali “direttive” e “prescrizioni” (tipograficamente in grassetto e poi trasfuse nell’estratto finale); - che dall’elaborato e dall’iter che lo ha preceduto si riscontra che si è operato nel pieno rispetto non solo formale, ma soprattutto sostanziale, del portato progressivo ed evoluto della legge urbanistica regionale, nella innovata concezione della materia come non solo diretta a regolare i fenomeni edilizi e costruttivi, ma il complesso della programmazione e frizione del territorio in tutte le sue componenti, con il canone e metro fondamentale della sostenibilità; - che ciò non è escluso e neanche svalutato dalle teoriche possibilità di impostazioni e metodologie differenti, dovendo essere riconosciute le opzioni definitive all’autorità preposta all’elaborazione, fermo lo svolgimento di ogni ampio confronto e relativa valutazione, come nel caso è avvenuto; - che tale testo, con il corredo di tutti gli atti e documenti preparatori, va, quindi, sottoposto per l’approvazione da parte della Giunta Regionale; Su conforme proposta e relazione dell’Assessore all’Urbanistica, avv. Raffaele Mirigliani, e sulla base dell’istruttoria compiuta dalle strutture interessate nonché dall’espressa dichiarazione di regolarità dell’atto resa dal Dirigente competente; DELIBERA di approvare le Linee Guida di cui all’art. 17, comma 5, della legge regionale n. 19/2002 allegate alla presente quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento. IL SEGRETARIO IL PRESIDENTE Del che si è redatto il presente processo verbale che viene sottoscritto come appresso: Il Presidente: f.to Chiaravalloti Il Segretario: f.to li IL SEGRETARIO