[Comunicato stampa Giunta regionale Sicilia]
PONTE SULLO STRETTO, CUFFARO: “NON CI FAREMO SCIPPARE IL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI”

domenica 23 luglio 2006


PALERMO – “La realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina è una occasione di sviluppo che i siciliani non si faranno <<scippare>> da questi novelli <<bravi>>”. Lo afferma il Presidente della Regione Siciliana, Salvatore Cuffaro, che spiega: “ I siciliani non permetteranno che quanto promesso da decenni da governi di destra e di sinistra venga ora annullato per gli inconfessabili interessi di una parte”.

            “Il ponte – dice Cuffaro – lo faremo anche da soli perché si tratta di un opera vitale per il rilancio socio economico di tutto il meridione.  Con la realizzazione del Ponte sullo Stretto i nostri  scambi commerciali e le attività economiche subiranno il decisivo input che consentirà alla nostra isola di collocarsi ai livelli delle regioni più avanzate d’Europa.”

            “Dal momento che per attraversare lo Stretto occorreranno circa tre minuti,  esso avvicinerà le due coste, permettendo l'ampliamento dei mercati, consentendo tra l'altro una intensificazione degli scambi tra imprese, ma anche la nascita di nuove partnerships ora impensabili, nonché una più forte integrazione tra le diverse economie mediterranee che porteranno anche ad uno sviluppo del mercato del lavoro. Il Ponte avvicinerà, infatti l’Europa al continente africano offrendo una ulteriore occasione di lavoro e di sviluppo alle nostre aree.”

            “L'impatto turistico –afferma Cuffaro - sarà almeno duplice; da un lato grazie al miglioramento dei collegamenti che agevoleranno l'accessibilità sia sul breve che sul lungo raggio potremo contare su un maggior afflusso di turisti che verranno ancora più volentieri a godere delle nostre bellezze storiche, architettoniche e naturalistiche, ed il " Ponte” stesso essendo il più lungo al mondo a campata unica diverrà, anch’esso oggetto della curiosità dei turisti ed attrazione turistica”.

            “ Da non trascurare poi l'impatto urbanistico con il decongestionamento del traffico: niente più code di macchine e camion che talvolta per ore attendono l’imbarco sui traghetti, appestando con i loro scarichi l’aria delle due città. Conseguenza naturale del decongestionamento del traffico – spiega Cuffaro - sarà l’innalzamento della qualità della vita che ne consegue, il rilancio dell'immagine urbana e delle funzioni commerciali e turistiche di Messina.”

            “Con la realizzazione del ponte – aggiunge il presidente della Regione Siciliana -  Messina si riapproprierà del <<fronte mare>>, da troppo tempo celato allo sguardo dei sui abitanti e dei tanti turisti.          “Non di secondaria importanza sono, inoltre, le possibilità legate alla riqualificazione  di queste aree che si renderanno disponibili e alla relativa sistemazione”.

            “Con la realizzazione del ponte potranno anche essere riqualificati gli attuali sistemi portuali che, alleggeriti dalle funzioni di traghettamento locale, potranno concentrarsi sul mercato croceristico internazionale e diportistico.  Per tutti questi motivi e per tanti altri affermiamo – conclude Cuffaro-  non  ci faremo  “scippare” il futuro dei nostro figli.”