[Comunicato stampa Giunta regionale Umbria]
RICOSTRUZIONE POST-SISMA: CONFERENZA PRESIDENTI DELLE REGIONI SOSTIENE RICHIESTE UMBRIA E MARCHE PER RISORSE NELLA FINANZIARIA

martedì 27 novembre 2007


RICOSTRUZIONE POST-SISMA: CONFERENZA PRESIDENTI DELLE REGIONI SOSTIENE RICHIESTE UMBRIA E MARCHE PER RISORSE NELLA FINANZIARIA

(AUN) – Perugia, 27 nov. 07 – La Conferenza dei presidenti delle Regioni italiane ha formalmente accolto le richieste dei presidenti di Umbria e Marche di invitare Governo e Parlamento a tener conto delle esigenze delle due Regioni per la prosecuzione degli interventi di ricostruzione post sismica. È stato il presidente della Conferenza, Vasco Errani, su proposta dei presidenti della Regione Umbria, Maria Rita Lorenzetti, e delle Marche Gianmario Spacca, a riferire in sede di Conferenza ed impegnarsi a trasmettere la sollecitazione al Governo affinché la Legge Finanziaria, contrariamente a quanto definito in sede di approvazione al Senato e attualmente in discussione alla Camera dei Deputati, contenga norme e risorse adeguate. Ciò anche nel rispetto di impegni e accordi definiti a Palazzo Chigi, in sede di “tavolo congiunto” Regioni-Governo.

   Attualmente, infatti, ciò che è contenuto nell’art. 42 delle legge Finanziaria alla Camera appare inadeguato e insufficiente.

   Governo e Regioni avevano definito una serie di norme e risorse che avrebbero consentito alle due Regioni e a tutti i Comuni interessati di uscire dalla gestione straordinaria legata allo stato d’emergenza. Quanto invece stabilito dall’art.42 non consente tale percorso. Restano ancora insufficienti e non definiti gli elementi finanziari e normativi per la restituzione della “busta pesante”, così come non vi è una sufficiente copertura finanzia per ciò che riguarda i contributi per i Comuni e per la stabilizzazione del personale assunto per le attività legate alla ricostruzione post sismica.

   Infine, come più volte sostenuto dalla presidente Lorenzetti, pur essendo le Regioni consapevoli dell’impossibilità che la legge Finanziaria preveda tutte le risorse necessarie alla prosecuzione dell’opera di ricostruzione, è tuttavia indispensabile che vengano previsti ulteriori finanziamenti per il triennio di vigenza della Legge Finanziaria.

PORT/FA

NNN