[Comunicato stampa Giunta regionale Veneto]
SANITA’. MARTINI: “FINANZIATO CON 300 MILA EURO UN PROGRAMMA SULLE DIPENDENZE DA SOSTANZE D’ABUSO COORDINATO DA VERONA”

lunedì 14 gennaio 2008


SANITA’. MARTINI: “FINANZIATO CON 300 MILA EURO UN PROGRAMMA SULLE DIPENDENZE DA SOSTANZE D’ABUSO COORDINATO DA VERONA”

(AVN) Verona,  12 gennaio 2008

“Gli scenari relativi all’uso di droghe e di sostanze alcoliche in questi ultimi anni sono fortemente cambiati ed i modelli interpretativi e di intervento, basati soprattutto sul problema eroina, sono diventati non più idonei a fronteggiare le nuove emergenze. Bisogna considerare infatti che, pur persistendo nella sua gravità la questione eroina, esistono altri tipi di sostanze illegali e legali che stanno condizionando il mercato della droga con forte impatto sulla salute pubblica. Non vanno poi trascurati gli effetti negativi sulla sicurezza stradale e negli ambienti di lavoro. Vi è quindi la necessità di affrontare le  rinnovate situazioni socio sanitarie con visione strategica e fortemente integrata. Per questo abbiamo finanziato, di concerto con il collega alle Politiche sociali, un programma sulle dipendenze da sostanze d’abuso con 300 mila euro coordinato dall’Ulss 20 di Verona.” Lo comunica l’assessore alle Politiche sanitarie, Francesca Martini, che ha spiegato come nell’ambito assistenziale, diagnostico e terapeutico vi sia sempre di più la necessità di razionalizzare ed integrare gli interventi farmacologici con quelli psicosociali e riabilitativi. Spiega Martini: “La valorizzazione delle azioni sinergiche riveste un ruolo fondamentale nella riqualificazione del sistema socio sanitario delle dipendenze. Risulta opportuno, in un contesto di aggiornamento degli attuali schemi terapeutici, prevedere l’introduzione di sperimentazioni farmacologiche e riabilitative. E’ inoltre utile porre maggior attenzione alla prevenzione e alla cura delle patologie correlate alle dipendenze come parte integrante e irrinunciabile delle terapie.” Serve insomma elaborare modelli volti al miglioramento sia scientifico, sia organizzativo, sia delle attività formative, sia dei flussi informativi per assicurare un allineamento con le strutture ministeriali ed europee. Ribadisce Francesca Martini: “Le nuove priorità vengono dettate da odierne e rilevanti problematiche che sono: la grande diffusione della cocaina e del crack con le patologie cardiovascolari, neurologiche e psichiatriche correlate; la comparsa di droghe sempre più potenti e pericolose come la ketamina e l’ecstasy. La diffusione di cannabis modificata geneticamente con principi attivi cinque volte maggiori; l’incremento del doping e degli steroidi; la comparsa di nuove dipendenze come quelle da gioco d’azzardo, da videogiochi e da tecnologie digitali; l’incremento dei disturbi alimentari e dei disturbi dell’attenzione. Tutto questo in un contesto dove il policonsumo di droghe è diventato sempre più pericoloso.” Conclude Francesca Martini: “Il programma regionale coordinato dall’Ulss 20 di Verona approfondirà anche gli aspetti sanitari e l’integrazione con quelli sociali, le attività assistenziali, l’organizzazione gestionale, la formazione, la ricerca applicata e l’indagine epidemiologica.”

Comunicato n. 77-2008