[Comunicato stampa Giunta regionale Lombardia]
LOMBARDIA.ANNO GIUDIZIARIO,FORMIGONI SU SICUREZZA LAVORO

lunedì 28 gennaio 2008


LOMBARDIA.ANNO GIUDIZIARIO,FORMIGONI SU SICUREZZA LAVORO

 

(Ln - Milano, 26 gen)  "Regione Lombardia è da sempre al fianco,
e continua ad esserlo, di chi amministra la giustizia con azioni
concrete e grande spirito collaborativo, dimostrato ampiamente
attraverso tutte le sinergie messe in campo  per affrontare le
difficoltà che ogni giorno si presentano in questo settore così
importante per la vita dei cittadini". 
Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni,
accoglie positivamente l'appello lanciato oggi da Giuseppe
Grechi, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario.
Il presidente della Corte d'Appello di Milano, infatti, ha
denunciato  la ''drammatica  carenza di personale
amministrativo'', sottolineando l'esigenza di aver al più presto
l'aumento della pianta organica, attualmente sottodimensionata.
"Le criticità descritte dal presidente Grechi, persona che stimo
e di cui apprezzo la passione - aggiunge Formigoni  - ci sono
note:  per questo l'Intesa siglata dieci giorni fa a Roma con il
Ministero di Grazia e Giustizia offre il primo vero contributo
concreto al sistema da parte di una Regione. Su adesione
volontaria, una decina di dipendenti regionali possono chiedere
la propria mobilità professionale per svolgere attività
amministrativa presso il Tribunale di Milano".

Il presidente Formigoni, riguardo al passaggio di Grechi sugli
infortuni sul lavoro, ha ricordato che  "Da tempo  Regione
Lombardia si sta muovendo in favore della salute e della vita di
chi lavora. Recentemente abbiamo
illustrato alle parti sociali la nostra proposta per il nuovo
Piano triennale - ha spiegato Formigoni - con la precisa volontà
 di ragionare insieme su come sia possibile aumentare la
sicurezza nei nostri cantieri e nelle nostre aziende, perché la
perdita anche di una sola vita è una tragedia che deve essere
evitata con ogni possibile strumento".
Il presidente lombardo ha anche sottolineato l'importanza della
formazione e dell'informazione  (in più lingue)  e l'intenzione
di incentivare con sgravi fiscali le aziende virtuose e
penalizzare allo stesso tempo quelle "viziose" (che verranno ad
esempio escluse dalla lista dei fornitori della Regione).(Ln)