[Comunicato stampa Giunta regionale Lombardia]
LOMBARDIA.EXPO 2015, FORMIGONI:DIALOGO E COLLABORAZIONE

lunedì 4 febbraio 2008


LOMBARDIA.EXPO 2015, FORMIGONI:DIALOGO E COLLABORAZIONE

 

(Ln - Milano, 04 feb) "Nutrire il Pianeta, energia per la vita"
è il titolo del Forum tematico che si è aperto oggi al Museo
della Scienza e della Tecnologia di Milano per sostenere la
candidatura della città ad ospitare l'Esposizione universale del
2015.
All'apertura dei lavori è intervenuto anche il presidente della
Regione Lombardia, Roberto Formigoni, che rivolgendosi ai 195
delegati provenienti dai 90 Paesi  membri del Bie, Bureau
International des Expositions, e alle autorità italiane presenti
ha ribadito il massimo sostegno di Regione Lombardia all'Expo
sottolineando che "A Milano l'Expo sarà un'esperienza
completamente nuova, simbolo di un mondo nuovo, le cui parole
chiave sono collaborazione e dialogo, offrendo a ciascuno dei
Paesi che vi prenderà parte la possibilità di esporre il meglio
della sua produzione, della sua creatività, della sua cultura".
"La responsabilità che abbiamo - ha proseguito Formigoni - non è
solo sanare il divario ormai gravissimo della distribuzione
della ricchezza e quindi anche del cibo. Questo obiettivo
potrebbe addirittura sembrare irraggiungibile se passiamo
attraverso la strada della mera redistribuzione e non attraverso
la strada della responsabilizzazione: dobbiamo creare le
condizioni perché ogni persona ed ogni famiglia possano
procurarsi responsabilmente gli alimenti".
Nel suo discorso, tenuto anche in lingua francese, il presidente
ha approfondito alcuni dei temi del secondo Forum Expo-Milano
2015, soffermandosi sull'importanza di declinare la parola
educazione anche attraverso un'azione di sensibilizzazione
all'uso del suolo e delle risorse attraverso il lavoro. Un
quadro in cui anche la partnership con i paesi in via di
sviluppo per affrontare il problema della fame potrà portare
risultati concreti se inserita all'interno di "Un movimento di
solidarietà e di cooperazione tra popoli, nazioni e culture:
davanti a queste sfide  - ha detto Formigoni - non è possibile
agire da soli. E la risposta ad un bisogno puntuale ancorché
universale come quello dell'alimentazione sarà una ulteriore
opportunità per consolidare le relazioni internazionali a
livello globale".
Più in generale, ha continuato il presidente lombardo, la
comunità internazionale ha il compito di favorire l'educazione
alimentare e la sicurezza all'interno del ciclo di distribuzione
degli alimenti, in sostanza la garanzia della qualità del cibo.
L'Expo si presenta come la possibilità straordinaria di
ripensare globalmente l'alimentazione, e riproporre valori
universali attraverso un paragone tra concezioni culturali e
stili di vita. "Ciò che abbiamo davanti - ha precisato Formigoni
- è la possibilità di sfruttare la globalizzazione per prendere
il meglio di ogni cultura, condividendo gli aspetti comuni e
prevenendo i rischi legati alla cattiva distribuzione delle
risorse: carestie, sprechi, conflitti".
All'apertura di questa "due giorni"  che terminerà domani con la
conferenza stampa conclusiva in programma alle 13, sono
intervenuti anche il sindaco di Milano Letizia Moratti, il
Ministro per  il Commercio Internazionale, Emma Bonino, Carlo
Sangalli, presidente della Camera di Commercio di Milano, Diana
Bracco, presidente di Assolombarda il Presidente del BIE, Jan
Pierre Lafon.
I lavori proseguono con tavole rotonde e gruppi di lavoro in
sessioni parallele con la presenza di autorevoli esperti sulle
tematiche della sicurezza alimentare, accesso all'acqua per
tutti, sviluppo dell'agricoltura, lotta alla desertificazione,
difesa dei territori, prevenzione dei disastri naturali, tutela
della biodiversità.
Nel corso del pomeriggio saranno presentati progetti dedicati a
prevenzione e difesa dalle catastrofi naturali, agricoltura in
condizioni ostili, mare come risorsa per l'alimentazione e
sicurezza alimentare.
Domani dopo la presentazione del "Food Village" di Milano, dove
avrà sede la Borsa telematica dell'agroalimentare, sono previste
le testimonianze dei sindaci di Milano, Monza, Pavia, Piacenza,
Torino, Varese che si sono riuniti in network per promuovere la
candidatura di Milano ad ospitare l'Expo.
Nel pomeriggio di delegati del BIE visiteranno il polo
fieristico di Rho-Pero. (Ln)