[Comunicato stampa Giunta regionale Toscana]
Anticipo sul nuovo contratto per i 40.000 del comparto

mercoledì 12 marzo 2008


03/12/2008 02:59 PM
Soggetto:  Anticipo sul nuovo contratto per i 40.000 del comparto


Toscana Notizie
Agenzia di informazione della Giunta Regionale
http://www.toscana-notizie.it


__________________________________________________________________________

SANITÀ    La decisione dell’assessorato per il diritto alla salute
Anticipo sul nuovo contratto per i 40.000 del comparto
In arrivo più soldi in busta paga fin dal mese di marzo

di Susanna Cressati
Firenze   I dipendenti del Servizio sanitario regionale del comparto (infermieri e personale del ruolo sanitario, professionale, tecnico e amministrativo) si troveranno nella busta paga di marzo una bella sorpresa.
Infatti l’Assessorato per il diritto alla salute, aderendo alla richiesta delle organizzazioni sindacali, ha dato mandato ai direttori generali delle Aziende di mettere subito in pagamento una quota pari al 90% degli incrementi dello stipendio tabellare previsti dalla ipotesi di accordo di Contratto nazionale siglata il 29 febbraio scorso. Da tenere conto che la quasi totalità degli incrementi previsti dall’ ipotesi di accordo è concentrata proprio sullo stipendio tabellare.
Per gli anni 2006, 2007 e primo trimestre del 2008 l’onere finanziario a carico del sistema per questo acconto (salvo conguaglio) ammonta a circa 80 milioni di euro. L’aumento in busta previsto dal contratto per il dipendente si aggirerà mediamente intorno a 103 euro mensili lordi. Usufruiranno dell’anticipo gli oltre 40.000 dipendenti del Servizio sanitario regionale delle categorie del comparto.
L’anticipazione esce di fatto dalle normali procedure in quanto l’ipotesi di contratto siglata da sindacati e Aran non ha ancora superato tutti i passaggi che la trasformeranno in contratto pienamente in vigore. Ma è stata resa possibile dalle buone condizione finanziarie della sanità toscana, dalla disponibilità delle risorse necessarie per la copertura, che sono state a suo tempo accantonate, e rappresenta un segnale concreto nei confronti di decine di migliaia di lavoratori impegnati ogni giorno nei servizi, a garanzia del buon funzionamento e della qualità della sanità pubblica toscana.