[Comunicato stampa Giunta regionale Piemonte]
LA PROTEZIONE CIVILE PIEMONTESE IN ABRUZZO

martedì 7 aprile 2009


Torino, 6 aprile 2009-04-06
 

 

 

LA PROTEZIONE CIVILE PIEMONTESE
 

IN ABRUZZO
 

La prima colonna della Protezione civile della Regione Piemonte, guidata da Marco Bologna, coordinatore dei volontari della Provincia di Alessandria, è prossima ad arrivare all’Aquila. destinazione provvisoria designata dal Dipartimento di Protezione civile nazionale

Il convoglio, che si prevede raggiungerà la destinazione questa  stanotte è  la prima risposta che il Piemonte ha prontamente dato al sistema  di protezione civile nazionale ed è composta da 50 uomini e 25 mezzi che di cui 8 “Merlo”, particolari mezzi semoventi attrezzati con piattaforme aeree che raggiungono i 20,  25 metri di altezza e consentono di procedere allo sgombro di materiale pericolante dall’alto, questi mezzi polifunzionali, unici nel panorama del sistema della Protezione civile  di cui il Piemonte si è dotato,  sono anche in grado di concorrere  allo sgombro di macerie e dove necessario nell’allestimento dei campi.

 La colonna conta ancora di 4 gruppi elettrogeni e radio faro, 4 mezzi di polisoccorso per assicurare gli interventi di puntellatura degli edifici pericolanti  e supporto di allestimento dei campi, 4 tende pneumatiche di grandi dimensioni in grado di ospitare  100 persone ciascuna , una cisterna di 1000 litri di acqua potabile, una cucina mobile in grado di preparare 350 pasti all’ora.  Seguono una  piccola colonna   di 6 mezzi che con postazione medico avanzato  e con 32 posti letto,  unità cinofile di soccorso su macerie;  seguono 5 pulmini con  50 alpini. Sono in viaggio anche due container che trasportano  servizi igienici  di grande dimensioni e  pedane per montare le tende con 20 uomini  e ancora  segue 1 polisocorso   altri 20 alpini.

 Il secondo contingente  è in partenza da San Michele , Alessandria,   è guidato dal coordinatore di volontariato Roberto Bertone che ha una colonna composta da circa 50 uomini e  trasporta il modulo di soccorso alla popolazione costituita da un modulo logistico di tende, effetti latterecci,(brandine e lenzuola), 3  cucine da campo, mensa,  il tutto per assistere 250 persone, viveri per assicurare inizialmente 1000 pasti, attrezzature da campo costituite da impianti elettrici, grelle, pavimentazione plastificata per allestire camminamenti e infine una postazione medica avanzata del118 con personale infermieristico è accompagnata da un gruppo di funzionari della Protezione civile regionale, Sandro Pressin e  Franco De Giglio.

Tutti gli interventi sono messi in atto per  rispondere in maniera efficace e adeguata alle esigenze della popolazione. La colonna mobile del Piemonte all’arrivo in Abruzzo  si posizionerà nella zona industriale dell’Aquila in attesa di una collocazione più adeguata .