[Comunicato stampa Giunta regionale Friuli Venezia Giulia]
MONTAGNA:TONDO A FESTA S.BARBARA IN MINIERA RAIBL (TARVISIO)

venerdì 4 dicembre 2009


 INAUGURATO PRIMO NUCLEO CENTRO SPELEOTERAPIA

 Il progressivo recupero
del compendio minerario di Raibl rappresenta una nuova
opportunità in chiave turistica per il Tarvisiano e per l'intero
Friuli Venezia Giulia, anche nella loro prospettiva "senza
Confini" con Carinzia e Slovenia.

E' quanto ha sottolineato oggi a Cave del Predil il presidente
della Regione Renzo Tondo che, all'interno della miniera di
Raibl, ha partecipato alla Santa Messa in occasione della Festa
di Santa Barbara, patrona dei minatori, e successivamente ha
visitato ed inaugurato la struttura fisica di quello che a breve
diverrà un Centro terapico per le sindromi allergiche
dell'apparato respiratorio, ricavato in un ramo laterale della
galleria Kaiser Franz.

Il presidente Tondo, assieme al commissario per il comprensorio
minerario di Cave del Predil, Luciano Baraldo, ed il sindaco di
Tarvisio Renato Carlantoni, ha ricordato il difficile momento
economico che non solo il Friuli Venezia Giulia sta affrontando
e, dunque, la necessità di affrontare con capacità e
responsabilità i problemi.

Anche per questo motivo, come dimostra l'attuale esperienza di
Cave del Predil dove al nuovo Centro di speleo-terapia potrà
essere affiancato (nell'ex dormitorio posto al centro del paese,
ha spiegato il medico Paolo Brigato) un poliambulatorio/albergo
grazie ad investimenti privati, "occorre sviluppare concrete
sinergie tra le istituzioni e tra queste, il privato e le
comunità locali", ha affermato il presidente della Regione.

Considerata l'attuale non facile situazione, ha proseguito Tondo,
il Friuli Venezia Giulia non può permettersi oggi di lasciar
perdere alcuna opportunità di crescita e di sviluppo e, quindi,
alle attività industriali e manifatturiere deve affiancare una
crescita del suo patrimonio infrastrutturale, deve percorrere il
cammino dell'innovazione e della ricerca, deve incrementare le
sue potenzialità in campo turistico, come insegna il modello del
Parco internazionale geominerario di Raibl, che ad oggi ha già
visto la presenza di oltre 8 mila visitatori, ha ricordato
Luciano Baraldo, con una proiezione di registrare nel 2010 oltre
15 mila accessi.

Lo stesso commissario Baraldo ed il sindaco Carlantoni hanno
quindi rilevato come il futuro di Cave, la rinascita del suo
territorio, possano dipendere molto da questa nuova prospettiva
turistica, in parallelo a nuove attività sportive, alla
valorizzazione delle peculiarità ambientali, a questi nuovi
"percorsi" dedicati alla salute ed alla fisioterapia.

All'incontro sono oggi intervenuti, tra gli altri, il consigliere
regionale Sandro Della Mea, il sindaco di Bovec (Slovenia)
Danijel Krivec, il presidente del Consorzio servizi turistici del
Tarvisiano Gabriele Massarutto, nonché una rappresentanza
dell'Associazione dei minatori di Bleiberg (Carinzia).