+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Campania]
CANTIERI APERTI, VIA AL PROGETTO SPERIMENTALE PER VILLARICCA E MARCIANISE - CUNDARI: “INTERVENTO INNOVATIVO PER L’EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE”

mercoledì 9 dicembre 2009

 

Si è svolta oggi presso la Sala Giunta della Regione Campania  la Conferenza stampa di presentazione del Progetto “Cantieri Aperti”, affidato dalla Regione Campania ad Alisei Coop Società Cooperativa Sociale, per la realizzazione di due iniziative sperimentali di autocostruzione associata a Villaricca (Na) e Piedimonte Matese (Ce).

 

l’assessore regionale all’Urbanistica Gabriella Cundari, ha sottolineato  l’innovatività dell’intervento, che promuove un nuovo concetto di “edilizia residenziale sociale”, permettendo di realizzare in autocostruzione alloggi destinati a cittadini a reddito debole, italiani ed immigrati.

 

“Il ricorso a questa pratica innovativa, con precise tecniche costruttive e diretta da professionisti, consente  - ha aggiunto Gabriella Cundari - un significativo abbattimento dei costi di edificazione poiché il gruppo di persone e famiglie coinvolte rendono disponibili le ore di lavoro manuale necessarie per la costruzione”.

 

La presidente di Alisei Coop Carla Barbarella ha evidenziato le tre ‘sostenibilità’ del progetto, quella economica, che consente l’acquisizione in proprietà di un alloggio a soggetti esclusi dal mercato immobiliare; quella sociale, che sviluppa e consolida le relazioni interpersonali e di gruppo; quella ambientale, che con l’utilizzo di tecniche e materiali appropriati, garantisce l’eco-sostenibilità degli alloggi in autocostruzione.

 

Il sindaco del Comune di Villaricca Raffaele Topo ha espresso la propria adesione al progetto, che con la metodologia dell’autocostruzione risponderà al fabbisogno abitativo delle famiglie meno abbienti del suo territorio, affermando tra l’altro di “volere dare seguito a questa prima sperimentazione nel quadro di un più ampio Piano di edilizia popolare”. 

 

Il sindaco del Comune di Piedimonte Matese Vincenzo Cappello, nel sottolineare l’importanza dell’iniziativa per un comune in cui le fasce di popolazione a basso reddito sono costrette a cercare alloggio nei territori limitrofi, ha richiamato l’attenzione sul fatto che “l’autocostruzione consentirà a molte famiglie di non allontanarsi dal territorio comunale, potendo acquisire una casa in proprietà a costi accettabili”. 

 

A questa prima sperimentazione, ha ricordato l’Assessorato all’Urbanistica, faranno seguito altre iniziative a supporto delle quali sono già stati individuati gli strumenti finanziari.