[Comunicato stampa Giunta regionale Emilia - Romagna]
Politiche per la salute - Ospedale di Comacchio, l'incontro in Prefettura a Ferrara. L'assessore Lusenti: "Negli anni le condizioni sono mutate, il sistema sanitario regionale deve rinnovarsi per continuare a garantire la qualità dell'assistenza". La riorganizzazione rientra nell'attuale programmazione sanitaria provinciale

mercoledì 4 dicembre 2013


Prot. N. 825/2013
Data 04/12/2013

All'attenzione dei
- Capi redattori

 

Bologna – Un contesto profondamente mutato (a livello di normativa, nazionale e regionale, della situazione socio-economica e dei bisogni dei cittadini), che richiede necessariamente un rinnovamento del sistema sanitario, in modo da continuare a garantire la qualità dell’assistenza nelle forme organizzative più idonee.
E’ questo, in sintesi, l’esito dell’incontro - convocato ieri in Prefettura a Ferrara per approfondire la riorganizzazione dell’ospedale San Camillo di Comacchio - al quale sono intervenuti il presidente della Regione Vasco Errani, il sottosegretario alla presidenza Alfredo Bertelli, insieme all’assessore regionale alle Politiche per la salute Carlo Lusenti, al presidente della Provincia di Ferrara Marcella Zappaterra, al sindaco di Comacchio Marco Fabbri e rappresentanti dell’amministrazione e del consiglio comunale.

“Le parti presenti all’incontro hanno preso atto che l’accordo del 2001 ha finito di produrre i suoi effetti – ha spiegato Lusenti – , anche perché in questi anni si sono verificati numerosi e profondi cambiamenti del quadro normativo, sia a livello nazionale che regionale. Inoltre, da allora è cambiato notevolmente il contesto sociale ed economico, e quindi anche i bisogni di salute della popolazione: questo richiede che anche il sistema sanitario regionale cambi e si rinnovi, per continuare a garantire la qualità dell’assistenza nelle forme organizzative più adeguate”.

La riorganizzazione dell’ospedale di Comacchio rientra nell’attuale programmazione sanitaria provinciale, definita nella sede istituzionale appropriata, ovvero la Conferenza socio sanitaria di Ferrara, in accordo con le linee d’indirizzo regionali. Tuttavia, per approfondire e valutare tutte le richieste emerse durante l’incontro di ieri, legate ad aspetti tecnici e gestionali, è stato deciso che nei prossimi giorni proseguiranno i contatti e gli incontri tra il direttore generale dell’Azienda Usl di Ferrara, il presidente della Conferenza socio sanitaria e il sindaco di Comacchio.