[Comunicato stampa Giunta regionale Lazio]
REGIONE LAZIO: Sanità: Regione a Cgia, ora debito 50% del 2013 e riduzione 47% giorni pagamento

sabato 31 gennaio 2015


I dati diffusi oggi dalla CGIA di Mestre sull’indebitamento e i pagamenti nel settore della sanità nella Regione Lazio sono parziali perché non tengono conto dell’ulteriore e determinante sforzo compiuto dalla Regione Lazio nel 2014 per dimezzare lo stock di debito e pagare i fornitori allineandosi alla media europea.

Grazie all’anticipazione straordinaria di liquidità per 2,35 miliardi di Euro - accordata, secondo quanto previsto dal DL 35/2013 e dal DL 66/2014 -  nel bilancio consuntivo 2014 è infatti attesa un’equivalente riduzione del debito pregresso del sistema sanitario del Lazio di circa il 50% rispetto al 2013.

Per quanto riguarda invece i tempi dei pagamenti nella sanità, secondo i dati di Assobiomedica - la media per il Lazio nel 2014 è di 157 giorni con una riduzione, rispetto al dato 2013 (293 giorni) del 47% mentre il dato nazionale indica una riduzione del 20%.

Secondo invece il dato ufficiale previsto dal Dpcm del 22/09/2014, che indica la distanza dalla scadenza della fattura, l’indice di tempestività della Regione Lazio è stato in media di 85 giorni nel 2014 e, si sottolinea, a dicembre i pagamenti sono stati effettuati nei 60 giorni perfettamente in linea con la media europea. L’indicatore di tempestività è riferito a 6,9 miliardi di pagamenti effettuati dalla Regione per un totale di 600 mila fatture ed è consultabile dal 30 gennaio anche sul sito della Regione Lazio nella sezione trasparenza, come prescritto dalla stessa norma.

Si ricorda inoltre che il processo di abbattimento dei tempi di pagamento dei fornitori è stato facilitato anche dalla fatturazione elettronica che è stata adottata già a partire dal primo luglio 2014 dalla Regione Lazio, prima in Italia, anticipando di nove mesi l’introduzione obbligatoria per tutte le pubbliche amministrazioni. 

 

Così in una nota la Regione Lazio