[Comunicato stampa Giunta regionale Friuli Venezia Giulia]
(ARC) LAVORO: PANARITI, POSITIVI EFFETTI DA PROGRAMMA SI.CON.TE.

martedì 17 febbraio 2015


  Trieste, 17 feb - Il programma regionale "Si.Con.Te. - sistema di conciliazione integrato", pensato a supporto dell'occupazione femminile e della conciliazione tra tempi di lavoro e tempi dedicati alla cura dei propri cari, ha ottenuto anche nel 2014 significativi risultati favorendo, in particolare, i processi di emersione del lavoro irregolare femminile, la qualificazione dell'occupazione femminile e l'innalzamento dei tassi di occupazione delle donne.

 

In proposito l'assessore regionale alle pari opportunità, Loredana Panariti, comunica che "attraverso l'attività dei 21 Sportelli Si.Con.Te. - Assistenti Familiari (presenti in Friuli Venezia Giulia grazie anche al finanziamento del Fondo Sociale Europeo - FSE), è stato possibile erogare un servizio gratuito di 'risposta' a problemi di conciliazione, con oltre 2.000 nuovi contratti di lavoro per la cura e l'assistenza domiciliare, consentendo quindi alle famiglie e alle persone che hanno un proprio lavoro di mantenerlo, sentendosi al tempo stesso tutelate dalla presenza di un aiuto in casa e/o di altre soluzioni flessibili".

 

Un risultato complessivo conseguito anche grazie alle attività di Anci ed Upi - partner assieme alle Province del programma Si.Con.Te - e al potenziamento della rete di attori (patronati, consulenti del lavoro, associazioni datoriali e sindacali, ambiti socio assistenziali, enti locali, Consigliere di parità, enti di ricerca e numerosi altri soggetti a vario titolo coinvolti in un cooperazione positiva) che consentono al servizio, ma anche al sistema, di crescere qualitativamente, scongiurando la nascita di un 'mercato parallelo' non accreditato.

 

Gli sportelli che operano in Friuli Venezia Giulia da oltre 10 anni, e rappresentano oggi un'esperienza unica in Italia, sono stati presentati come 'best practice' regionale al Comitato di Sorveglianza FSE (2012) e come progetto regionale ad alto carattere innovativo (2013). In assoluta controtendenza all'attuale andamento del mercato del lavoro, gli sportelli ogni anno offrono supporto nella attivazione di un numero consistente di nuovi contratti di lavoro, numero che non è mai sceso sotto le

2.000 unità/anno, anche in periodi di assenza di particolari incentivi all'assunzione; ciò da un lato conferma la necessità e l'importanza di questa tipologia di attività, e dall'altro testimonia la fidelizzazione e soddisfazione per il Servizio ricevuto. I dati mettono anche in evidenza che rimane costante negli anni il rapporto tra la domanda e l'offerta, che si mantiene di circa uno a tre, significativamente utile ad una possibilità di incrocio e selezione sempre mirata alle reali necessità, attraverso la presentazione di una rosa di candidature numericamente e qualitativamente adeguate.

 

Questi i 'numeri' del 2014. Sul versante del networking conciliazione (accoglienza e analisi fabbisogni / info su strumenti conciliazione / info su servizi esistenti a supporto

conciliazione) il totale dei servizi erogati è stato di 40.337.

 

Sul versante del 'matching' domanda/offerta  (analisi fabbisogni lato domanda e professionalità acquisite lato offerta / selezione, matching e accompagnamento alla contrattualizzazione / postinserimento con feedback sulla qualità del servizio) il totale dei servizi erogati è di 8.372 (di cui 1.961 relativi alla richiesta di collaboratori familiari, 4.218 relativi al lato offerta e 2.193  quale numero di contratti stipulati).

 

La nuova programmazione dei Fondi europei (FSE) prevede la continuazione delle positive esperienze sin qui realizzate e l'avvio di ulteriori servizi sperimentali, sempre dedicati alla conciliazione dei tempi, con soluzioni sempre più mirate e "su misura" per sostenere la genitorialità e l'occupazione femminile.

 

 

ARC/Com/PPD

 

171653 FEB 15