+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Lombardia]
GIUNTA, BRIANZA: 2,5 MLN PER CONCILIAZIONE VITA-LAVORO

lunedì 6 marzo 2017

"In questa settimana dove festeggiamo l'8 marzo e quindi la parita' dei diritti tra uomo e donna, e' particolarmente significativo aver portato in Giunta una delibera che stanzia risorse importanti in tema di conciliazione vita - lavoro: due milioni e mezzo di fondi europei che si aggiungono ad altri tre milioni e mezzo di risorse regionali". Lo ha detto l'assessore al Reddito di autonomia e Inclusione sociale Francesca Brianza commentando lo stanziamento di 2,5 milioni di euro da parte della Giunta regionale lombarda destinati alla conciliazione vita-lavoro.

SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA - "Questi fondi - prosegue Brianza - che puo' sembrare vadano a sostegno solo delle donne, in realta', vanno a sostegno della famiglia in generale; sono tutte quelle misure volte ad incentivare servizi di custodia e di assistenza rivolti ai minori, servizi della gestione pre e post scuola, oratori estivi, servizi di supporto per la fruizione delle attivita' nel tempo libero e tutto cio' che puo' essere d'aiuto ad una famiglia per conciliare le tempistiche lavorative con quelle della vita privata e per agevolare una parita' di diritti e di opportunita' che sta dando risultati importanti".

INCENTIVARE LA NATALITA' - "In un momento in cui i numeri sulla natalita' sono in forte calo, come ci dicono gli ultimi dati - aggiunge Brianza - una politica di questo tipo puo' rappresentare un forte incentivo garantendo una parita' di diritti tra uomini e donne. E' una politica volta al benessere dei nostri cittadini e delle nostre aziende - conclude - perche' rappresenta un cambio culturale che funge da volano positivo in termini sociali, culturali ed economici".

SCHEDA

Le risorse ammontano a 2,5 milioni di euro di fondi europei (Por Fse 2014-2020) che si aggiungono ai 3,5 milioni di euro di fondi regionali per 2017/2018.

BENEFICIARI - Beneficiari dei progetti saranno partenariati di almeno tre soggetti che devono appartenere alle seguenti categorie:

  • enti pubblici locali
  • enti accreditati per la gestione di Unita' d'offerta (UdO) sociali e/o socio-sanitarie in regolare esercizio;
  • organizzazioni del terzo settore iscritte nei registri regionali o nazionali o ad analoghi elenchi regionali/nazionali;
  • enti riconosciuti dalle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese.

E' obbligatorio che tra i soggetti beneficiari che costituiscono il partenariato sia presente almeno un soggetto pubblico.

DESTINATARI - Destinatari dei progetti sono i lavoratori e le lavoratrici, occupati alla data della richiesta di fruizione del servizio e residenti o domiciliati in Regione Lombardia, che abbiano almeno un figlio a carico fino al compimento dei 16 anni.

AMBITI DI INTERVENTO - I progetti dovranno riguardare lo sviluppo, il consolidamento o la qualificazione di servizi socio educativi innovativi e flessibili in Regione Lombardia individuati tra le seguenti tipologie:

  • servizi di assistenza e custodia rivolti a minori a supporto del caregiver familiare;
  • servizi per la gestione del pre e post scuola e dei periodi di chiusura scolastica (grest e oratori estivi, doposcuola, ecc..);
  • servizi di supporto per la fruizione di attivita' nel tempo libero a favore di minori (es. accompagnamento e fruizione di attivita' sportive e ludiche, visite a parchi/musei, ecc...).

La proposta progettuale potra' inoltre sviluppare, in aggiunta e solo in modo funzionale al rafforzamento dell'efficacia di una o piu' delle tipologie sopra descritte, anche attivita' di informazione/sensibilizzazione/orientamento finalizzate ad accompagnare e sostenere i lavoratori e le lavoratrici con responsabilita' di cura nell'accesso e nella fruizione dei servizi per l'infanzia e l'adolescenza del territorio.

Le attivita' di progetto devono concludersi entro il 15 gennaio 2019.

TIPOLOGIA DEL CONTRIBUTO - Il contributo e' a fondo perduto al massimo pari all'80 per cento del costo ammissibile e comunque non superiore ad euro 100.000.