+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Veneto]
FERMATO AFRICANO PER AGGRESSIONE DONNA A BAGNOLI: ZAIA, “VIA SUBITO A SCONTARE LA PENA IN NIGERIA. PARLAMENTO LEGIFERI E SI FACCIANO GLI ACCORDI BILATERALI. SITUAZIONE SFUGGITA DI MANO”

lunedì 20 marzo 2017

“Bravi i Carabinieri per la tempestività. Ora questo signore, se confermato colpevole, va spedito a scontare la pena in Nigeria. Parlano tanto di accordi bilaterali, ebbene questo è il classico caso in cui l’accordo serve e va fatto al più presto”.

E’ questo il commento del Presidente della Regione Luca Zaia al fermo di un immigrato nigeriano ospitato nell’hub di Bagnoli, con l’accusa di essere il responsabile dell’aggressione a una donna avvenuta venerdì scorso nelle vicinanze dell’ex caserma.

“Il Parlamento deve legiferare con urgenza – aggiunge Zaia – perché questa gente che non ha alcun titolo per trovarsi qui venga rimpatriata al più presto. Non è possibile continuare con questo andazzo, bisogna assistere i bisognosi veri e rispedire gli altri senza indugi perché la situazione è ormai sfuggita di mano”.