[Comunicato stampa Giunta regionale Trentino Alto Adige]
Simonetti (Cprm) su scomparsa responsabile migranti Puglia

giovedì 13 aprile 2017


"La  prematura scomparsa di Stefano Fumarulo, dirigente della Regione Puglia, rappresenta una grave perdita per il Mezzogiorno e per tutte le forze che si battono contro il caporalato in agricoltura e per la effettiva inclusione dei migranti”. Lo dichiara Pietro Simonetti,  responsabile  struttura coordinamento politiche migranti e rifugiati della Regione Basilicata.

“Con Stefano e i dirigenti della Regione Calabria – prosegue -  si lavorava da tempo per una svolta, anche operativa, nella lotta contro il caporalato, i ghetti, lo sfruttamento del lavoro.  Recentemente gli esiti di tali iniziative sono stati positivi: i protocolli nazionali e locali sperimentali, la nuova legge di contrasto al lavoro illegale, alcune norme proposte inserite nella nuova legge sui migranti

.Nei giorni scorsi – sottolinea Simonetti -   anche sulla base dei progetti inviati al Ministero dell'Interno in relazione alla prossima campagna di raccolta dell'ortofrutta, ci siamo mossi assieme  per concretizzare gli interventi statali e regionali nelle aree interessate. Stefano che ha lavorato per  l'eliminazione dei ghetti, a partire da quello di Rignano Garganico, sgomberato di recente, è venuto a mancare improvvisamente proprio nella fase di realizzazione degli interventi decisivi per cambiare la situazione che da anni restava immutata e governata dal caporalato e dalla delinquenza organizzata.

Siamo vicini alla famiglia e alla Regione Puglia. Continueremo nella lotta in corso, - conclude -  anche per valorizzare quanto è stato fatto e  cosa occorre fare di più”.