+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Valle d'Aosta]
Nuove modalità di funzionamento dell’Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale (U.V.M.D.)

venerdì 21 aprile 2017

L’Assessorato della sanità, salute e politiche sociali della Regione autonoma Valle d’Aosta informa che la Giunta regionale, nella seduta di oggi, venerdì 21 aprile 2017, ha adottato in via definitiva la deliberazione relativa alle nuove modalità di funzionamento dell’Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale (U.V.M.D.).

Traendo frutto dall’esperienza maturata durante la fase di sperimentazione, il nuovo sistema informativo a supporto dell’U.V.M.D. ha accolto appieno, attraverso un processo di condivisione dei contenuti, le istanze presentate dal Consiglio Permanente degli Enti Locali e meglio dedicate alla gestione delle attività di valutazione delle persone non autosufficienti.

Il nuovo sistema informativo garantirà più trasparenza nella gestione dei servizi e nella definizione delle collocazioni degli utenti, mediante l’istituzione di una graduatoria unica regionale, per gli inserimenti in strutture protette residenziali (attuali microcomunità) e per gli inserimenti nei nuclei demenze (attuali nuclei Alzheimer), salvaguardando il principio di territorialità e di vicinanza con la residenza della persona ritenuta non autosufficiente.

Il provvedimento, accogliendo in particolare le considerazioni espresse dal C.P.E.L. a fine gennaio scorso, prevede infine di adottare le misure necessarie a rendere compatibile la piattaforma gestionale informatizzata con il flusso informativo derivante dall’ICF (International Classification of Functioning Disability and Health) e dalla S.Va.M.Di (Scheda di Valutazione Multidimensionale del Disabile) relativo alle persone con disabilità.

Per l’Assessore alla sanità, salute e politiche sociali, questa deliberazione è il risultato di un processo di condivisione con i vari soggetti che hanno contribuito, a vario titolo e nel tempo, a perfezionare l’U.V.M.D., istituita nel 2010 in via sperimentale con l’obiettivo di garantire equità di accesso ai servizi e alle prestazioni socio-assistenziali in Valle d’Aosta. L’adeguamento delle prassi e l’utilizzo di nuove tecnologie garantirà inoltre l’uniformità di lavoro delle persone e delle procedure degli enti coinvolti, riducendo i tempi di lavoro, migliorando le comunicazioni, i flussi informativi e riducendo soprattutto gli sprechi.