+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Toscana]
Manifestazione antirazzista di Firenze: in corteo anche il presidente Rossi

sabato 10 marzo 2018

Scritto da Tiziano Carradori, sabato 10 marzo 2018 alle 17:11

FIRENZE – Anche il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha partecipato a Black lives matter (le anime nere contano), la nazionale manifestazione antirazzista organizzata a Firenze dalle associazioni senegalesi in Toscana per ricordare il loro connazionale Idy Diene, barbaramente ucciso lunedì scorso sul ponte Vespucci.

"E' stata una grande manifestazione – ha detto il presidente – riparatrice di una frattura che si era creata con una comunità ferita a morte per ben due volte in pochi anni. Mi colpisce il carattere sereno e pacifico di questo corteo così come vedere i commercianti che hanno tenuto aperti i loro negozi, quando erano stati in molti ad alimentare l'idea che ci sarebbero state tensioni".

Infatti il lunghissimo e variopinto corteo da piazza Santa Maria Novella è sfilato pacificamente lungarno, fino ad arrivare sul ponte Vespucci, il luogo del brutale omicidio, dove ha sostato per alcuni minuti mentre i partecipanti gridavano "Idy è vivo", "Idy siamo noi", "Idy è vivo e lotta insieme a noi", "Siamo tutti migranti" e "Siamo tutti Idy".

"Significa – ha aggiunto Enrico Rossi – che c'è un popolo che già convive, che è integrato. Tutte le persone civili e i sinceri democratici devono farsi sentire perché chi alimenta la paura e la strumentalizza venga sconfitto nelle sue idee. Mi ha colpito ancora che la stessa comunità senegalese abbia dichiarato di avere paura. Dobbiamo invece superare, in qualsiasi parte della società si manifestino, queste paure. Si parla del gesto di un folle, ma anche la follia si scatena in un contesto che si vuol costruire, affermando che la vita di un nero vale meno di quella di un bianco. E' un concetto aberrante, da respingere in toto. Il futuro sta invece nell'integrazione, evidente in questo corte, nel dialogo, nel rispetto delle persone e delle leggi. E' questa la vera sicurezza che abbiamo il compito di costruire".