+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Friuli Venezia Giulia]
Demanio marittimo: Zilli, passano a Regione alcune aree e beni statali

venerdì 29 giugno 2018

Trieste, 29 giu - La Giunta regionale, su proposta dell'assessore alle Finanze e Patrimonio Barbara Zilli, ha dato il via libera alla firma del "Protocollo di Intesa per l'esercizio delle funzioni amministrative e gestionali da parte della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia dei beni del demanio marittimo statale individuati dal decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 09/02/2009".

 

Per effetto dell'atto una serie di aree e beni demaniali marittimi dei compartimenti di Trieste e di Monfalcone, non più considerati di preminente interesse nazionale, passano dallo Stato alla competenza gestionale della Regione.

 

Nello specifico si tratta, per il Compartimento marittimo di Trieste, dei due pontili in pietra per ormeggio destinati all'accosto delle linee trasporto passeggeri, rispettivamente a Grignano e a Sistiana, di due vani a Sistiana e di uno a Grignano e di un'area con manufatto a Muggia. Per quanto riguarda il Compartimento di Monfalcone, vengono trasferiti alla Regione un fabbricato nell'area di Porto Nogaro già in dotazione alla Guardia di Finanza per i controlli doganali e uno specchio d'acqua a Grado, anch'esso già delle Fiamme Gialle, adiacente il Molo Torpediniere.

 

"Per quest'ultima area in particolare - ha osservato l'assessore Zilli - era stato manifestato un forte interesse da parte dei pescatori di Grado. Sarà così possibile restituire alla disponibilità della comunità locale, nel quadro delle doverose procedure a evidenza pubblica, una porzione particolarmente pregiata dell'Isola del Sole".

 

Il Protocollo d'intesa, dopo l'autorizzazione disposta oggi dalla Giunta regionale, verrà perfezionato con le firme della Regione e della Direzione Marittima del Friuli Venezia Giulia.

ARC/PPH/ppd

 

291548 GIU 18