[Comunicato stampa Giunta regionale Sardegna]
EUROPA. AMBIENTE/ENERGIA. SARDEGNA CAPOFILA A BRUXELLES PER BUONE PRATICHE DELLE ISOLE

domenica 14 ottobre 2018


Sardegna, Corsica e Baleari continuano a lavorare insieme e questa volta, per affrontare i temi dell’ambiente, dell’energia, e della lotta ai cambiamenti climatici, si aggiunge Creta. È l’iniziativa “Green economy as development opportunity for EU islands”, che con capofila la Sardegna, è stata tra i progetti protagonisti nei giorni scorsi a Bruxelles della “Settimana Europea delle città e delle regioni”, organizzata dal Comitato europeo delle Regioni e dalla DG REGIO della Commissione europea. Le quattro realtà insulari si sono presentate unite con l’obiettivo non solo di rafforzare ulteriormente le collaborazioni già in corso ma anche di individuare percorsi comuni sostenibili da condividere con altre regioni che, come Creta, lavorano alla ricerca di soluzioni efficaci per rispondere a problemi specifici dati dalla condizione geografica. Alle giornate delle isole, organizzate nell’arco della settimana dall’Ufficio di Bruxelles, Servizio rapporti internazionali e con l'UE della Direzione Generale Presidenza della Regione, ha preso parte l’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano, affiancata dal capo dell’unità “Adattamento” di DG Clima della Commissione Europea Elena Visnar Malinovska e dai rappresentanti politici e tecnici delle altre isole partecipanti, tra cui l’assessora della Regione Corsica Marie Antoniette Maupertuis, il Direttore Generale delle aree naturali delle Isole Baleari Miguel Mir Gual e il Direttore dell’ambiente di Creta Eleni Chatzigianni.

“Abbiamo voluto portare all’attenzione dell’Europa alcuni aspetti molto specifici dell’insularità, aspetti legati all’ambiente e che vanno dall’approvvigionamento  energetico sino alle conseguenze dei cambiamenti climatici”,  ha spiegato Donatella Spano, evidenziando tra le altre cose come i nostri ecosistemi si trovino ad essere spesso più fragili rispetto ad altri e come quindi sia importante elaborare strumenti ed attivare percorsi in grado di garantire la massima tutela. “Occasioni di dialogo e di confronto come questa, in più, sono preziose per individuare percorsi comuni che, attraverso progetti mirati, ci permettano di lavorare insieme per trasformare gli svantaggi geografici in opportunità non solo di salvaguardia ma anche di crescita economica. Lo sviluppo sostenibile non può più essere considerato unicamente un’opportunità - ha concluso Donatella Spano -, ma è l’unica scelta possibile per le isole del Mediterraneo ”

Al centro dei lavori è stato il workshop, moderato dal segretario esecutivo della Commissione Isole delle Regioni Periferiche Marittime d'Europa, Giuseppe Sciacca, dedicato alle principali politiche e azioni perseguite dalle isole partner in campo ambientale, climatico, energetico, della mobilità sostenibile, dell’energia circolare e del turismo sostenibile, evidenziando in particolare il contributo apportato nel compensare gli svantaggi dovuti all’insularità. Nel corso degli incontri, ai quali hanno presenziato anche alcuni Sindaci e amministratori di Comuni sardi, sono stati approfonditi gli aspetti legati a cooperazione, networking, possibilità di finanziamento e altre misure che possono essere realizzate per rafforzare lo sviluppo sostenibile nelle isole dell’Unione Europea.

La Regione Sardegna ha partecipato alla Settimana europea anche nella sezione mostre, con uno spazio curato dall’Assessorato della Cultura. Protagonista è stato il progetto “Patrimonio culturale Sardegna Virtual Archaeology”, un sistema integrato di siti culturali ricreati sulla base degli studi attraverso le più recenti tecnologie 3D. L’avventura digitale interattiva, di valore sia didattico che turistico, attraversa le epoche storiche partendo dal prenuragico e tocca 17 monumenti da scoprire in modo inedito, guidando i personaggi in un vero e proprio viaggio nel tempo, attraverso ambientazioni di vita reale.

Sul profilo Flickr dell'Ufficio stampa della Regione Sardegna due immagini

https://www.flickr.com/photos/uffstamparas/30369898357/in/dateposted-public/

https://www.flickr.com/photos/uffstamparas/31435142898/in/dateposted-public/ 

 

***

Green economy as development opportunity for EU islands, di seguito le buone pratiche presentate durante la sessione di networking organizzata nel cuore della Settimana europea delle regioni e città.

SARDEGNA

1. MASTER ADAPT

Progetto LIFE MASTER ADAPT (mainstreaming delle esperienze a livello regionale e locale, per l'adattamento ai cambiamenti climatici), in cui la Sardegna svolge il ruolo di capofila, in partnership con altri soggetti istituzionali e rappresentanti del settore della ricerca (Ambiente Italia s.r.l, Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, Università di Sassari – DIPNet, Fondazione Lombardia per l’Ambiente, ISPRA, Università IUAV di Venezia, Regione Lombardia, Fondazione Cariplo)

Il Progetto è focalizzato sulla definizione di un metodo per il trasferimento sui differenti livelli di governo regionale e sub-regionale delle strategie di adattamento per la riduzione degli effetti dei cambiamenti climatici, a partire dallo sviluppo di una fase di test nelle regioni Sardegna e Lombardia, con un approfondimento specifico sulle aree urbane e metropolitane.

In particolare, l’iniziativa il progetto si propone di individuare e sperimentare strumenti innovativi di governance multilivello per supportare le regioni e gli enti locali nella definizione e sviluppo di strategie e politiche di adattamento.

2. Impianto sperimentale solare termodinamico di Ottana (Ottana Thermodynamic Solar pilot plant)

La Centrale Solare di Ottana, situata nel centro della Sardegna, ha l'obiettivo di integrare efficacemente tecnologie di concentrazione solare e sistemi di accumulo di energia per migliorare le capacità di distribuzione degli impianti solari. La configurazione innovativa dell'impianto solare, con l'integrazione di un impianto a concentrazione solare (CSP - Concentrating Solar Power) su scala ridotta con un sistema fotovoltaico (CPV), promuove la diffusione, nel territorio regionale, di forme di produzione distribuita di energia elettrica e termica da fonti rinnovabili e a zero emissioni, attraverso l'utilizzo della tecnologia solare termodinamica.

Il progetto intende, mediante la realizzazione di un impianto pilota, sperimentare e diffondere modelli di produzione e utilizzo razionale dell'energia, al fine di creare le migliori condizioni per la crescita sostenibile della tecnologia solare termodinamica nella realtà economica ed industriale isolana, indicando le linee per la replicabilità dei modelli di produzione e di consumo dell’energia da fonte solare.

3. Open Government for Mobility (Open data e accountability per la qualità del trasporto collettivo)

Con l’obiettivo di rinnovare e potenziare le relazioni tra utenti, amministrazioni pubbliche, imprese di trasporto, imprese ICT, attraverso con la piattaforma unica federata degli open data sui trasporti, voluta dalla Giunta regionale con la DGR n.22/32 del 3 maggio 2017, la Regione Sardegna è la prima e unica Regione d'Italia ad aver adottato un nuovo concetto di infomobilità basato sul paradigma dell'open data per tutte le modalità di trasporto, per i collegamenti locali, regionali, nazionali e internazionali.

Il progetto "Open Government per il miglioramento della qualità dei servizi di trasporto pubblico" della Regione Sardegna, che prevede il coinvolgimento degli utenti nel monitoraggio della qualità dei servizi, è stato tra i dieci finalisti del Premio nazionale "OpenGov Champion", organizzato e promosso dal Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri

CORSICA

  1. Mobilità sostenibile: CAPA Move Phase 2 - Digital tool for mobility (OP ERDF-ESF 2014-2020 Priority axis 2 “Develop the information and communication society in the service of territorial cohesion and attractiveness”)
  2. Turismo sostenibile: INTENSE - Sustainable tourism & soft mobility (OP Interreg Maritimo 2014-2020 Thematic Objective 6 “Preserving and protecting the environment and encouraging a rational use of resources”)
  3. Energie rinnovabili ed efficienza energetica: Nérée 2 - Using the marine thermal energy (OP ERDF-ESF 2014-2020 Priority axis 4 “Support the transition to a low-carbon society”)

BALEARI

  1. Energie rinnovabili ed efficienza energetica: INTEGRAL MANAGEMENT - (Integral management of street lighting and improvement of the energy efficiency of public infrastructures).
  2. Cambiamenti Climatici: LIFE REUSING POSIDONIA (LIFE12 ENV/ES/000079)
  3. Turismo sostenibile: EMbleMatiC (Emblematic Mediterranean Mountains as Coastal destinations of excellence)

CRETA

  1. Economia Circolare: SCREEN (Synergic Circular Economy among European Regions)
  2. Cambiamenti Climatici: SOCLIMPACT (DownScaling CLImate imPACTs and decarbonisation pathways in EU islands and enhancing socioeconomic and non¬market evaluation of Climate Change for Europe and for 2050 and beyond)
  3. Turismo sostenibile: BLUEISLANDS (Seasonal variation of waste as an effect of tourism)