[Comunicato stampa Giunta regionale Veneto]
BANDA ULTRA LARGA. MARCATO: “NON C’E’ SVILUPPO SENZA INFRASTRUTTURE TECNOLOGICHE”

giovedì 22 novembre 2018


(AVN) – Venezia, 22 novembre 2018

“Non c’è sviluppo se non c’è infrastrutturazione tecnologica”: lo ha affermato l’assessore regionale allo sviluppo economico Roberto Marcato, partecipando oggi a Mestre ad un momento di incontro e dibattito sullo stato di avanzamento del Piano strategico nazionale e sugli interventi previsti sul territorio veneto per la banda ultra larga. L’iniziativa è stata promossa dalla Camera di Commercio di Venezia Rovigo, in collaborazione con la Regione.

“Il Piano di Sviluppo della Banda Ultra Larga – ha sottolineato Marcato - nasce dal confronto con il Ministero per lo Sviluppo Economico. Consentirà di realizzare in tutti i comuni veneti un’infrastruttura di rete che permetterà di fornire a tutti almeno i 30 Mbps, e in molte aree di realizzare un’infrastruttura in grado di abilitare i 100 Mbps. In tutti i comuni veneti infatti è presente almeno una delle quasi 10 mila aree “bianche” censite da Infratel, ovvero quelle definite a fallimento di impresa e non servite dagli operatori. Il bando è stato vinto da Open Fiber, la società attiva in tutto il territorio nazionale per costruire e gestire quest’infrastruttura in fibra ottica che rimarrà di proprietà pubblica”.

“Tra risorse del MISE e regionali, l’investimento complessivo – ha detto Marcato –  è di circa 400 milioni di euro. Si tratta di uno degli interventi di infrastrutturazione più rilevanti a livello europeo, con il quale prevediamo di coprire entro il 2020 l’intero Veneto con la Banda Ultra Larga ad alte prestazioni, colmando così il gap esistente con le altre regioni. Il territorio veneto ha bisogno di questa infrastrutturazione. Siamo una delle regioni con la maggiore densità di imprese e una delle economie trainanti del Paese, ma paradossalmente che non abbiamo ancora un’infrastruttura a Banda Ultra Larga che sia all’altezza”.

“Tuttavia si sta evidenziando un ritardo nei lavori – ha fatto rilevare Marcato ai rappresentanti di Open Fiber presenti all’incontro - che auspichiamo sia rapidamente recuperato e risolto. Il problema è stato ufficialmente sollevato dal Veneto anche il sede di Conferenza Stato-Regioni e con una lettera al ministro Di Maio per competenza".