+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Toscana]
"Patto per la lettura", Barni: "Alleanza per promuovere conoscenza e ridurre disuguaglianze"

venerdì 30 novembre 2018

Scritto da Federico Taverniti, venerdì 30 novembre 2018 alle 14:07

FIRENZE – Un'alleanza con tutti i soggetti della filiera del libro per promuovere la lettura e fare in modo che diventi un'abitudine sociale quotidiana. La vicepresidente Monica Barni ha lanciato stamattina il ‘Patto regionale per la lettura'. Lo ha fatto presso Le Murate a Firenze, in occasione dell'apertura di ‘Libri in festa', la rassegna dedicata alle buone pratiche della lettura in Toscana ospitata oggi e domani nel Complesso delle Murate e nella Biblioteca delle Oblate. L'iniziativa è organizzata dalla Regione e dall'Associazione culturale La Nottola di Minerva con la partecipazione del Comune di Firenze.

"La lettura – ha detto Monica Barni - è cruciale per la vita sociale, economica e politica di un paese. Leggere libri, conoscere, sono le chiavi per comprendere i propri diritti e doveri.
Purtroppo sul fronte lettura-alfabetizzazione, tutte le indagini condotte negli anni hanno evidenziato livelli drammaticamente bassi. Si legge poco in Italia e soprattutto si legge sempre meno una volta concluso il percorso scolastico, quando cioè leggere diventa una scelta e non più un obbligo. Coloro che lo fanno provengono da ambienti socio-culturali in
cui la lettura è un'abitudine, consolidando così un divario sociale e di partecipazione. Secondo dati Istat 2016, le persone con più di 6 anni che non hanno letto almeno un libro negli ultimi 12 mesi sono il 59,5% in Italia e il 55,8% in Toscana. Il 70% della popolazione toscana non è mai entrata in una biblioteca, altro dato drammatico. "Non leggere – ha aggiunto Barni - è un problema sociale, politico ed economico. Sociale perché se non si legge non si possiedono gli strumenti per interagire con gli altri nella vita sociale; politico, perché le istituzioni devono farsene carico e cercare di ridurre i divari, come stabilito dalla nostra Costituzione; economico perché senza lettori che senso ha il lavoro degli scrittori o l'attività di librerie e editori?".

"Il patto per la lettura che lanciamo oggi – ha detto ancora la vicepresidente -, dopo averlo discusso nei territori, è un punto di arrivo, in quanto risultato di tanti anni di lavoro condotto insieme a tutti i soggetti della filiera, a partire dalle 12 reti documentarie toscane; ma è anche un punto di partenza perché crea un'alleanza, sempre con gli stessi soggetti, affinché la lettura diventi un'abitudine sociale quotidiana". "Il Patto – ha quindi concluso Barni - è un documento aperto, suscettibile di essere modificato, integrato, migliorato e che si affianca a tutte le varie iniziative realizzate negli anni e che riconoscono la bibliodiversità come un valore e come uno strumento per portare i libri fuori dai luoghi deputati ad accoglierli".

Il ‘Patto regionale per la lettura' è un protocollo di intesa e di alleanza tra Regione Toscana e altri soggetti pubblici e privati della filiera del libro e della lettura che impegna le parti a definire, attuare, promuovere in modo organico, trasversale e strutturato, azioni e progetti di promozione della lettura e del libro nel rispetto del diritto di tutti alla lettura come mezzo di conoscenza, di accesso all'informazione e come elemento di coesione e inclusione sociale, contro la povertà educativa e per lo sviluppo di una nuova idea di cittadinanza.

Il testo completo del Patto e le slides di presentazione tra le risorse correlate.

 

Documenti