+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Lombardia]
SANITÀ,GALLERA IN COMMISSIONE:PER 2019 PRIORITARI PRESA IN CARICO CRONICI E FRAGILI, DIPENDENZE E RIDUZIONE LISTE D'ATTESA

mercoledì 5 dicembre 2018

SARÀ POSSIBILE ESEGUIRE IVG FARMACOLOGICA IN DAY HOSPITAL

(LNews - Milano, 05 dic) "Anche per il 2019 le risorse destinate da Regione Lombardia al Fondo Sanitario regionale, pari a 18,5 miliardi di euro, rimangono invariate. La riduzione di ricoveri registrata ci permetterà però di destinare o mettere a sistema risorse aggiuntive su temi assolutamente prioritari come le dipendenze, la neuropsichiatria infantile, l'autismo, le cure palliative, l'assistenza domiciliare e la riduzione delle liste d'attesa".

Lo ha detto l'Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera oggi durante la presentazione in Commissione III del Consiglio Regionale la delibera delle Regole di Sistema 2019.

4,5 MILIONI IN PIÙ PER ADI E UCP DOM - "Massima attenzione - ha spiegato Gallera alla Commissione - per i servizi dedicati alle persone più fragili. Verranno potenziati i servizi di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) e Unità di Cure Palliative Domiciliari (UCP DOM) attraverso l'aumento delle risorse per la contrattualizzazione dei budget dedicati e la messa a disposizione di risorse aggiuntive pari a 4 milioni per ADI e 2,5 milioni per Cure Palliative domiciliari".

SOSTEGNO A FRAGILITA' "Con la messa a sistema di 11,3 milioni di euro - ha aggiunto- amplieremo l'offerta di servizi per soggetti con elevato carico assistenziale come i malati di Alzheimer o gli anziani per l'accesso nelle RSA".

AUTISMO "Nel 2019 - ha sottolineato inoltre Gallera - 1,5 milioni di euro verranno destinati all'implementazione di servizi rivolti a soggetti affetti da autismo sia in età pediatrica che adulta e verranno stabilizzate le sperimentazioni relative all'autismo per un valore di 8 ml/euro di euro attraverso bandi per la messa a regime delle attività dal 2020".

DIPENDENZE "A partire dal primo gennaio 2019 - ha sottolineato l'assessore- sarà istituito l'Osservatorio epidemiologico per le dipendenze ed istituito il tavolo con gli erogatori, quale luogo di periodico confronto. Entro il 30/06/2019 le ATS daranno avvio alle attività, volte ad accrescere le opportunità di Diagnosi Precoce, Cura e Riabilitazione del Gioco d'Azzardo Patologico a livello territoriale. Ogni ASST, entro il 31/12/2019, dovrà avviare specifiche azioni volte alla Diagnosi Precoce del Disturbo da Uso di Sostanze".

231 MILIONI PER PRESA IN CARICO "Per quanto riguarda la presa in carico dei pazienti cronici - ha spiegato Gallera - è confermato lo stanziamento di 231 milioni di euro destinati alla promozione dell'adesione dei Medici di medicina generale e pediatri a seguito della sottoscrizione del Protocollo di intesa con gli ordini dei medici, alla loro integrazione con specialisti ospedalieri e territoriali, all'implementazione e miglioramento degli strumenti informatici e all'implementazione della Telemedicina a supporto del paziente".

RIDUZIONE LISTE D'ATTESA "Altra priorità per il 2019 - ha aggiunto Gallera - è la riduzione delle liste d'attesa. Per le attività che superano del 10% i tempi di riferimento saranno acquisiti a livello regionale tutti gli slot di agende e l'unico interlocutore sarà il Cup regionale. La sperimentazione partirà in ATS Milano e ATS Brescia con un investimento di 15 milioni di euro. Ci saranno inoltre agende dedicate ai pazienti cronici e verrà potenziata la figura del responsabile aziendale dei tempi di attesa. Verrà responsabilizzato il paziente con azioni di carattere sanzionatorio relative a prestazioni prenotate e non erogate per la mancata presentazione".

IVG FARMACOLOGICA - "A fronte delle evidenze scientifiche - ha concluso- Regione Lombardia ritiene che la gestione dell'IVG (interruzione volontaria di gravidanza) farmacologica possa avvenire, a seguito di un corretto e approfondito counseling nei consultori, anche in regime di ricovero diurno. Al fine di non subordinare le scelte cliniche al condizionamento determinato da tariffe diverse abbiamo individuato una tariffazione unica per la interruzione volontaria di gravidanza indipendentemente dalla procedura medica o chirurgica adottata". (LNews)